Pagine

venerdì 7 dicembre 2012

"UN MEDIOEVO TUTTO DA TOCCARE" - UN PERCORSO TATTILE A COMO

Domenica 9 dicembre, in occasione della festa di Santa Lucia, alle ore 15, in Pinacoteca, verrà inaugurato il percorso tattile “Un Medioevo tutto da toccare”. Il progetto è promosso dai Musei Civici e dall'assessorato alla Cultura del Comune di Como, rappresentato da Luigi Cavadini, in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi. La proposta è diretta in primo luogo al pubblico dei non vedenti e ipovedenti ma è aperta anche al pubblico vedente, per il quale si prevede un ampliamento delle modalità di fruizione del patrimonio culturale. “Vedere” le opere per mezzo del tatto rappresenta, per i non vedenti, una necessità, per i vedenti, un’integrazione. Il percorso si svolge nella sezione Medievale, che è ordinata in senso prevalentemente cronologico e con aggregazioni attente alla provenienza territoriale. Tale percorso non si discosta dal principio ordinatore della sezione stessa ma, data la particolarità del pubblico destinatario, si è deciso di selezionare un numero contenuto di opere, prestando la massima attenzione alla loro significatività e alle loro caratteristiche tattili. Si parte dalle prime sale a vocazione didattica (il mestiere del lapicida e i suoi strumenti, la scultura lapidea),per continuare con l’esplorazione della recinzione presbiteriale di Sant’Abbondio, del capitello con episodi dell’infanzia di Cristo, di una mensola antropomorfa e di un frontale di sarcofago di un maestro campionese. Il percorso si conclude con la fruizione tattile di parte del Portale della Chiesa di Santa Margherita, luogo fisico di inizio e conclusione della sezione Medievale e monumento ricco di suggestioni simboliche e metaforiche. Dati i lunghi tempi che necessita la percezione tattile, la visita prevede un gruppo non superiore a 5-6 persone ed avrà la durata di circa un’ora e mezza. La metodologia di fruizione scelta si basa essenzialmente sull’esplorazione tattile e sull’utilizzo di sussidi che supportano e facilitano il processo di percezione, cognizione e interpretazione degli oggetti. L’uso della descrizione verbale, simultaneo alla visita tattile, servirà a rafforzare la comprensione dell’opera, con funzioni talvolta colmative.

Fonte: http://www.ininsubria.it

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...