Pagine

domenica 23 dicembre 2012

NOSTRADAMUS - 9° CENTURIA

Quartina1
Nella casa del traduttore di Bourc,
Saranno trovate sul tavolo le lettere,
Orbo,rosso,bianco,canuto terra’ il corso,
Che cambiera’ il nuovo Conestabile,
Quartina2
Dall’alto del monte Aventino voci udite,
Sgombrate, sgombrate da tutte e due le coste,
Del sangue dei rossi sara’ l’ira colpita,
Da Rimini,Prato,colonna levata.
Quartina3
La grande vacante a Ravenna grande agitazione,
Condotta da quindici rinquisi a Fornase,
A roma naseranno due mostri dalla doppia testa,
Sangue,fuoco,diluvio,i piu’ grandi nello spazio.
Quartina4
Lanno seguente scoperti dal diluvio,
Due capi eletti, il primo non resistera’,
Dal fuggire l’ombra uno di essi il rifugio,
Saccheggiata la capanna che il primo manterra’.
Quartina5
Terzo dito del piede il primo sembrera’,
A un nuovo monarca di bassa statura,
Che Pisa e Lucca il tiranno occupera’,
E del precedente correggera’ la mancanza.
Quartina6
Per la Guyenna un’infinita’ di Inglesi,
L’occupperanno con il nome di Angloaquitania,
Del Linguadoca Ispanico Bordolese
Che essi chiameranno poi Barboccitania.
Quartina7
Chi aprira’ il monumento trovato,
E non lo richiudera’ prontamente,
Il male lo colpira’, e non potra provare,
Se migliore deve essere Re Bretone o Normanno.
Quartina8
Il secondogenito divenuto Re mettera’ a morte suo padre,
Dopo il conflitto, di morte assai disonesta:
Scritto trovato, sospetto provochera’ rimorso,
Quando il lupo cacciato si posera’ sul lettuccio.
Quartina9
Quando lampada ardente di fuoco inestinguibile,
sara’ trovata al tempio delle Vestali,
Un bambino trovera’ fuoco, l’acqua passando per il setaccio,
Perira’ per l’acqua Nimes a Tolosa crolleranno i mercati.
Quartina10
Monaco e monaca bambino a morte esporranno,
Morire per l’Orsa, e rapito dal vetraio (porcaio),
Da Foix e Pamyes sara’ posto il campo,
Contro tolosa Carcassonne addestrera’ furiere.
Quartina11
Il giusta a torta sara’ condannato a morte,
Pubblicamente e al centro sara’ gistiziato,
Si gran peste in questo luogo nascera’,
Che i giudici a fuggire saranno costretti.
Quartina12
Il tanto d’argento di Diana e Mercurio,
i simulacri nel lago saranno trovati:
Il vassoio cercando argilla nuova,
Lui e i suoi d’oro si appagheranno.
Quartina13
Gli esiliati attorno alla Sologne,
Condotti di notte per marciare si Lauxois:
Due di Modena e il truculento di Bologna,
Messi allo scoperto al fuoco di Burancois.
Quartina14
Messo in pianura calderone d’infezioni,
Vino, miele e oilio,e fabbricati sui fornelli:
Saranno immersi senza dir male malfattori,
Settentrione fumo spento del cannone di Borneaux.
Quartina15
Presso Perpignano i rossi detenuti,
quelli del mezzo sommersi e condotti lontano:
Tre fatti a pezzi e cinque mal sostenuti,
Per il signore e il prelato di Bourgoing.
Quartina16
Da castel franco sortira’ l’assemblea,
L’ambasciatore non piacente fara’ scisma,
Quelli di Ribiere saranno nella mischia:
E al grande abisso negheranno l’entrata.
Quartina17
Il terzo primo fara’ peggio di Nerone,
Vuotato il valente, che sangue umano spandera’:
Riedificare fara’ il forno,
Secolo d’oro morto, nuovo Re grande scandalo.
Quartina18
Il giglio delfese portera’ in Nancy,
Fino nelle Fiandre l’elettore dell’impero:
Nuovo ostacolo al grande Montmorency,
Altri posti sara’ consegnata da chiara pena .
Quartina19
Nel mezzo della foresta di Mayenne,
Col sole nel leone cadra’ la folgore:
Il gran bastardo uscito dal grande del Maine,
Quel giorno a Fougeres la lama nel sangue entrera’.
Quartina20
Di notte verra’ per la foresta di Reines,
Due parti Valtorta Herne la pietra bianca:
Il monaco in grigio dentro Varennes,
Eletto capo causera’ tempesta,fuoco sangue trancio.
Quartina21
Nell’alto tempio di Blois sacra Salonne,
Di notte sul ponte della Loira,Prelato e Re svelto:
Preparare la vittoria nella palude della Lone,
Dove la prelatura dei bianchi e’ confinata.
Quartina22
Il Re e la sua corte in luogo della lingua d’Alba,
Dentro il tempio di fronte al palazzo,
Nel giardino Duca di Mantor e d’Alba,
Albae Mantor pugnale,lingua e palazzo.
Quartina23
Il secondogenito giocando al fresco sotto la botte,
L’alto del tetto del centro sulla testa,
Il padre Re al tempio santa Solonne,
Sacrificando consacrera’ il fumo della festa.
Quartina24
Sul palazzo alle rupi delle finestre,
Saranno rapiti i due piccoli reali,
Passerranno nel vento Lutezia, i chiostri di S.Denis,
Monachella e malvagio ingoieranno noccioli verdi.
Quartina25
Passati i ponti giungera’ presso i rosai,
Tardi arrivato o piuttosto egli lo credera’,
Le monache spagnole verranno a Beziers,
Che in quella caccia l’impresa si infrangera’.
Quartina26
Nizza uscira’ sul nome di lettere aspre,
La grande cappa fara’ presente non sua:
Vicino a Vultry alle mura di verdi capperi,
Dopo Piombino il vento di buona essenza.
Quartina27
Di legno la guardiola, vento chiuso da un ponte rotondo sar଼br> L’auto ricevuta colpirࠩl delfino,
Il vecchio calesse di legno unico passer଼br> Passando pi頯ltre del Conducente il diritto confine.
Quartina28
Vela Symacle porto marsigliese,
Nel porto di Venezia marceranno contro i Pannoni,
Partiranno dal golfo e dal Silo Illirico,
Devastazioni in Sicilia,colpi di cannoni sui Liguri.
Quartina29
Quando colui che non da’ luogo a nulla,
Vorra’ abbandonare il luogo preso non preso:
Fuoco in mare per salasso, Reggimento a Charlieu,
Saranno Guines,Calais e Oye riprese.
Quartina30
Al porto di Puola e di San Nicolas,
Pericolo Normanno al golfo Phanatico;
Cap. di Bisanzio nelle strade grideranno aiuto,
Soccorsi da Cadice e dal grande Filippico.
Quartina31
Il terremoto a Mortara,
Dell’elmo di S.Giorgio per meta’ sprofonderanno,
La pace s’assopira,la guerra si risvegliera’,
Nel tempio a Pasqua immersi negli abissi.
Quartina32
Di fine porfido in profondita’trovata colonna,
Con sotto la lapide scritti Capitolini:
Alzando la fune ritorna il Romano provera’ la forza,
Flotta si agitera’ nel porto di Metelino.
Quartina33
Ercole Re di Roma e Danimarca,
De Gaule tre volte il Capo nominato,
Tremerࠬ’Italia e qualcuno di S.Marco,
Premier su tutti i Monarchi rinomato.
Quartina34
La parte sola il marito sarࠩnsignito di mitra,
Al ritorno il conflitto passer࠳ulla tegola:
Per cinque cento un traditore sar࠯norato,
Narbon e Saulce con contenitori vende olio.
Quartina35
Il ferdinando biondo sara’ scortato,
Lascera’ il fiore, seguira’ il Macedone:
Al grande bisogno manchera’ la sua via,
e marcera’ contro il Mirmidone.
Quartina36
Un grande Re preso nelle mani di uno piu’ giovane,
Non lontano da Pasqua confusione e colpo di coltello:
Prigioniero perpetuonel tempio della folgore nella gabbia,
Allora i tre fratelli si feriranno e uccideranno.
Quartina37
Ponti e mulini in Dicembre sconvolti,
Tanto in alto salira’ la Garonna,
Muri ed edifici a Tolosa si riversera’,
Che la madre non riconoscera’ piu’ il proprio luogo.
Quartina38
L’ingresso di Blaye e Rochelle e l’Inglese,
Passera’ oltre il grande Emaziano,
Non lontano da Agen attendera’ il Gallo,
Soccorsi a Narbonne ingannato il colloquio.
Quartina39
In Arbissel, a Veron e Carcari,
Di notte condotti per ingannare Savona,
Il vivace Guascone Turby e la Scerry,
Dietro il muro, vecchio e nuovo palazzo ghermira’.
Quartina40
Presso Quintino nella foresta Bourlis,
Nell’abbazia saranno i fiamminghi trincerati,
I due cadetti da colpi semistorditi,
Il seguito oppresso e le guardie tutte uccise.
Quartina41
Il grande Chyren si impadronira’ di Avignone,
Da Roma lettere di miele piene di amarezza,
Lettera d’ambascita partira’ da Chanignon,
Carpentras presa da duca nero dalla rossa piuma.
Quartina42
Da Barcellona, Genova e Venezia,
Dalla Sicilia peste e monete unite:
Contro il barbaro le flotte prenderanno la mira,
Il barbaro respinto ben lontano fino a Tunisi.
Quartina43
Prossima a scendere l’armata Crucigera,
Sara’ spiata dagli Ismaeliti,
Battuta da tutte le coste dalla nave Ravier,
Pronto assalto di dieci galere scelte.
Quartina44
Fuggite, fuggite da Ginevra tutti,
Saturno si cambiera’ d’oro in ferro,
Il contrario RAYPOZ sterminera’ tutti,
Prima dell’accaduto il cielo fara’ segni.
Quartina45
Non sara’ mai sazio di chiedere,
Il grande Mendosus otterra’ il suo impero:
Lontano dalla corte fara’ revocare,
Piemonte, Picardia, Parigi, Tyron il peggiore.
Quartina46
Sgombrate, fuggite di Tolosa i rossi,
Del sacrificio farete espiazione,
Il capo del male sotto l’ombra delle zucche,
Presagio la morte strangolera’ la carne.
Quartina47
I soli segnati di indegno affrancamento,
Della multa avranno opinione contaria:
Il cambio del monarca sara’ messo in pericolo,
Chiusi in gabbia si vedranno di fronte.
Quartina48
La grande citta’ dell’oceano marittimo,
Circondata da paludi di cristallo,
Nel solstizio invernale ed in primavera,
Sara’ provata da vento spaventoso.
Quartina49
Grand e Bruxell marceranno contro Anversa,
Senato di Londra metteranno a morte il loro Re,
Il sale e il vino gli andranno a rovescio,
Per essi vi sara’ il regno in rovina.
Quartina50
Mendosus tosto perverra’ al suo alto regno,
Mettendo un po’ indietro il Norlaris:
Il rosso pallido, il maschio all’interregno,
Il giovane timore e spavento dei barbari.
Quartina51
Contro le rosse sette si uniranno,
Fuoco,acqua,terra,cuore per la pace si struggera’,
Sul punto di morire quelli che macchineranno,
Salvo uno che sopra tutti il mondo rovinera’.
Quartina52
La pace si avvicina da un lato, e la guerra,
Mai vi fu’ persecuzione cosi’ grande,
Piangera’ l’uoma, la donna, sangue innocente sulla terra,
e cio’ sara’ in francia a tutto andare.
Quartina53
Il giovane Nerone nei tre camini,
Fra’ dei paggi gettare vivi per arderli:
Felice chi sara’ lontano da tali intrighi,
Tre del suo sangue gli faranno aspettare la morte.
Quartina54
Arrivera’ al porto di Corsibonne,
Vicina a Ravenna, chi prendera’ la dama,
Nel mare profondo il legato di Lisbona,
Nascosti sotto le rocce rapiranno settanta anime.
Quartina55
L’anno orribile che in Occidente s’appresta,
L’anno seguente verra’ la pestilenza,
Cosi’ forte ed orribile che giovani,vecchi e bestie,
Sangue, fuoco, Mercurio, Marte, Giove in Francia.
Quartina56
Campo vicino a Noudam passera’ la citta’ di Gaussan,
E la Maiotes lascera’ la sua insegna,
Convertira’ in un istante piu’ di mille
Cercando i due di rimettere in catene e in legni.
Quartina57
in luogo di DRUX un Re riposera’,
E cerchera’ la legge cambiante l’anatema,
Mentre il cielo cosi’ forte tuonera’,
Portata o nuova o il Re si suicidera’.
Quartina58
Nel versante sinistro del luogo di Vitry,
Saranno spiati i tre rossi di Francia,
Tutti ammazzati i rossi, non ucciso il nero,
Dai Bretoni rimesso al sicuro.
Quartina59
A la Ferte’ riprendera’ il Visdomino,
Nicola tenuto rosso che aveva prodotto la vita,
La grande Loyle che fara’ clamore nascera’,
Dando la Borgogna ai Bretoni per invidia.
Quartina60
Barbaro conflitto nella Cornetta nera,
Sangue sparso, tremera’ la Dalmazia,
Grande Ismaele mettera’ il suo promontorio,
Rames tremera’, soccorsi in Lusitania.
Quartina61
La razzia fatta alla costa marina,
Nuovo incitamento e parenti condotti,
Molti di Malta per Il fatto di Messina,
Rinchiusi nello stretto saranno mal ricompensati.
Quartina62
Al grande di Cheramon agora,
Saranno crociati per rango tutti attaccati,
Il pertinace Oppi e Mandragora,
Raugon d’Ottobre i terzi saranno lasciati.
Quartina63
Gemiti e pianti, grida e grandi urla,
Presso Narbona, a Bayonne e Foix,
O quali orribili calamita’ e cambiamenti,
Prima che Marte abbia compiuto qualche rivoluzione.
Quartina64
L’Emaziano passera’ i monti Pirenei,
In Marzo Narbona non fara’ resistenza,
Per mare e per terra fara’ si grandi intrighi,
Capitolazione non avendo terra sicura per dimorare.
Quartina65
Entro l’angolo della Luna verra a rendere,
Dove sara’ preso e messo in terra straniera,
I frutti immaturi faranno grande scandalo,
Grande vituperio all’uno, grandi lodi.
Quartina66
Pace unione sara’ e cambiamento,
Stati, uffici, il basso in alto e l’alto ben in basso,
Si appronteranno viaggi, il frutto primo tormento,
Guerre cesseranno, processi civili e dispute.
Quartina67
Dall’alto dei monti intorno a Lisiere,
Nel porto di Rocca cento in assemblea,
Da Chasteaneuf, Pierrelatte, in Donzere,
Contro la chioma Romana fede in assemblea.
Quartina68
Dal monte Aymar un nobile sara’ oscurato
Il male verra’ alla congiunzione della Saona e del Rodano,
Nel bosco nascosti soldati il giorno di Lucia,
E mai vi fu’ un cosi’ orribile trono.
Quartina69
La grande montagna rotonda di sette stadi,
dopo pace, guerra, fame, inondazione,
rotolera’ࠬontano inabissando grandi contrade,
pure antiche, e grande fondazione.
Quartina70
Armi trancianti nascoste nelle fiaccole,
In Lione il giorno del sacramento,
Quelli di Vienna saranno tutti massacrati,
Dai cantoni Latini, Macon non mente.
Quartina71
Nei luoghi sacri gli animali visti a tre,
Con colui che non osera’ di giorno,
A Carcassonne per disgraazia propizia
Sara’ disposto per piu’ ampio soggiorno.
Quartina72
Ancora oltraggiati saranno i sacri templi,
E depredati dal senato Tolosano,
In due, tre rivoluzioni di Saturno,
In Aprile, Maggio, gente ancora in fermento.
Quartina73
In Foix entrera’ un Re’ dal ceruleo turbante,
E regnera’ meno di una rivoluzione di Saturno,
Il Re’ dal turbante bianco a bisanzio con il cuore bandito,
Sole, Marte,Mercurio presso l’urna.
Quartina74
Nella citta’ di Ferstod omicidio,
Fatto e fatto multa non uccidendo bue aratore,
Ritorno ancora agli onori di Artemide,
E a Vulcano corpi morti sepellire.
Quartina75
Dall’Ambraxie e dal paese di Tracia,
Popolo per mare, male e soccorsi Gallici,
Perpetua in Provenza la traccia,
Con vestigia di loro costumi e leggi.
Quartina76
Col nero Rapace e sanguinario,
Sorto dal giaciglio dell’inumano Nerone:
Tra i due fiumi sinistra militare,
Sara’ ucciso da Giovane calvo.
Quartina77
Il regno preso il Re invitera’,
La dama prigioniera a morte dai giurati sorteggiati,
La vita alla Regina figlio si neghera’,
E la cortigiana al forte della consorte.
Quartina78
La dama Greca di bellezza laida,
Fatta felice da Proci innumerevoli
Trasferita fuori al regno Ispanico,
Presa prigioniera morira’ di morte miserabile.
Quartina79
Bazar, Lectore, Condon, Ausch e Agine
ribelli per leggi, disputa e monopolio.
Poiche’ Bourd, Tolosa Bay, portera’ࠩn rovina
volendo rinnovare loro sacrificio.
Quartina80
Il duca vorra’ i suoi sterminare,
Inviera’ i piu’ forti in luoghi stranieri,
Con la tirannia Pisa e Lucca rovinera’,
Poi i barbari senza vino faranno vendemmia.
Quartina81
Il Re astuto tendera’ le sue imboscate,
Da tre quartieri assalira i suoi nemici,
Un numero straniero lacrime di pertosse,
Verra Leprin dal traduttor mancato.
Quartina82
Per il diluvio e la forte pestilenza,
La grande citta’ da lungo tempo assediata,
La sentinella e guardia di mano morta,
Subito presa, ma per niente oltraggiata.
Quartina83
Il Sole dentro i venti gradi del Toro cos젦orte la terra trema,
Il grande teatro riempito croller଼BR> L’aria, Cielo e terra, oscurati e turbati,
Quando l’infedele Dio e i santi invocher஼br> Quartina84
Il Re’ esposto completera’ l’ecatombe,
Dopo aver scoperto la sua origine.
Il torrente aprira’ la tomba di marmo e piombo,
Di un grande Romana di insegna medusina.
Quartina85
Passeranno la Guyenna, la Linguadoca, e il Rodano,
Di Agen le adiacenze di Marmanda e la Roole,
Apriranno con la fede la parete,Foceno terra’ il suo trono,
Conflitto vicino a san Pol de Mansole.
Quartina86
Dal borgo La Reyne giungeranno diritti a Chartres,
E faranno pausa presso il ponte Anthoni:
Sette per la pace astuti come martori,
Faranno entrata d’esercito a Parigi chiusa.
Quartina87
Per la festa di Touphon dissodata,
Sara’ collocato il tempio per l’eremitaggio,
Il duca d’Estempes con la sua abilita’ inventato,
Dal monte Lehori il prelato dara’ esempio.
Quartina88
Calais, Arras, soccorsi a Theroanne,
Sembianza di pace simulera’ l’ascolto:
Soldati di Alobrox scenderanno per Roane,
Sviati dal popolo che sviera’ la strada.
Quartina89
Sette anni Filippo avra’ la fortuna prospera,
Respingera’ degli Arabi lo sforzo,
Dopo il suo apogeo, perplesso rovescera’ la situazione,
Il giovane Ognyon annullera’ la sua forza.
Quartina90
Un capitano della grande Germania,
Si arrendera’ per simulato soccorso,
Al Re dei Re aiuti dalla Pannonia,
Che la sua rivolta fara’ scorrere molto sangue.
Quartina91
L’orribile peste Perinto e Nicopoli,
Colpira’ Cherosene e Marcellonia:
La Tessaglia devastera’ Antipoli
Male sconosciuto, e rifiuto d’Antonio.
Quartina92
Il Re’ vorra’ enrare nella citta’ nuova,
Dai nemici si vedra’ espugnare,
Liberato il prigionerio, falsamente parlera’ e perpretera’,
Il Re sara’ fuori, lontano dagli nemici restera’.
Quartina93
I nemici dal forte ben allontanati,
Con carri condotti al bastione:
Da sopra le mura di Bourges abbattute
Quando Ercole abbattera’ l’Emaziano.
Quartina94
Deboli galere saranno unite assieme,
Falsi nemici, il piu’ forte al bastione,
Il debole assalito, Bratislava tremera’,
Lubecca e Mysne terranno la parte del barbaro.
Quartina95
Il nuovo fatto condurra’ l’esercito,
Prossimo defraudato fin presso alla riva,
Recando soccorsi all’elite Milanese,
Il duca privato gli occhi a Milano per ferro di gabbia.
Quartina96
Nella citta’ entrera’ l’esercito rifiutato,
Il duca entrera’ per persuasione,
Alle deboli porte chiamernno l’armata condotta
Porteranno fuoco, sangue, profusione di sangue.
Quartina97
Armate del mare in tre parti divise,
Alla seconda mancheranno i viveri,
Disperati cercheranno i campi Elisi,
I primi entrati nella breccia avranno la vittoria.
Quartina98
Gli afflitti per l’errore di un solo estinto,
Contro porteranno dalla parte opposta,
Ai Lioniesi mandera’ che costretti,
Saranno ad arrendersi al gran capo di Melita.
Quartina99
Vento Aquilone fara’ partire l’assedio,
Dai muri getteranno cenere, calce e polvere:
E dopo la pioggia, che loro fara’ ben peggio,
Gli ultimi soccorsi incontreranno alla loro frontiera.
Quartina100
La battaglia navale di notte sara’ vinta,
Il fuoco, alle navi dell’Occidente rovina,
Astuzia nuova, la grande nave colorata,
Ira al vinto, e vittoria nella nebbia.

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...