Pagine

Organizzazione di Eventi

Vuoi creare un evento medievale e hai bisogno di un partner affidabile? Ci occupiamo dell'organizzazione, della ricerca degli artisti, location e comunicazione con attività di Social Management e Ufficio Stampa. Sguardo Sul Medioevo è anche Media Partner!

Organizzazione del Matrimonio Medievale

Vuoi organizzare un matrimonio in stile medievale? Vieni a scoprire come Sguardo Sul Medioevo può aiutarti a rendere meraviglioso il giorno più bello della tua vita! Falconieri, sbandieratori, costumi e giocolieri al tuo servizio!

Festeggia la tua ricorrenza

Vuoi festeggiare un compleanno, un anniversario, un battesimo o addirittura un addio al celibato o al nubilato in perfetto stile medievale? Contattaci!

Collaborazione con ACCADEMIA MEDIOEVO

Sguardo Sul Medioevo collabora con l'ACCADEMIA MEDIOEVO di Lanuvio per la creazione, promozione e diffusioni di eventi medievali. Una realtà eccezionale che vale la pena conoscere!

La Grande Storia dei Cavalieri Templari

Creati per difendere la Terrasanta a seguito della Prima Crociata i Cavalieri Templari destano ancora molto interesse: scopriamo insieme chi erano e come vivevano i Cavalieri del Tempio

La Grande Leggenda dei Cavalieri della Tavola Rotonda

I personaggi e i fatti più importanti del ciclo arturiano e della Tavola Rotonda

Le Leggende Medioevali

Personaggi, luoghi e fatti che hanno contribuito a conferire al Medioevo un alone di mistero che lo rende ancora più affascinante ed amato. Dal Ponte del Diavolo ai Cavalieri della Tavola Rotonda passando per Durlindana, la leggendaria spada di Orlando e i misteriosi draghi...

Erbe Mediche Medievali

Come ci si curava nel Medioevo? E' possibile utilizzare metodi antichi ancora oggi? Le ricette di Ildegarda sono ancora attuali? Troverete cure molto interessanti e ancora molto utilizzate tutti i giorni.

giovedì 13 luglio 2017

B&B IL VECCHIO E IL MARE È ECCELLENZA MEDIEVALE

"Questa casa non è un albergo", questo è il motto di Cristian e Chiara proprietari del B&B Il Vecchio e il Mare che, Sguardo Sul Medieovo, ha deciso di isnerire nell'eelnco delle proprie "Eccellenze Medievali", ed effettivamente nel B&B è come essere a casa propria. Il B&B Il Vecchio e il Mare è un vero e proprio punto di riferimento per visitare la parte storico/medievale di Gaeta, una città di mare che dista a meno di due ore di macchina da Roma, facilmente raggiungibile con treno e Cotral che ha il capolinea proprio nella piazza da cui inizia la "salita" che porta dritti in B&B. 

Salita tra virgolette perchè il B&B Il Vecchio e il Mare è il giusto premio di un lungo sforzo fisico di circa 10 minuti che si snoda tra i tornanti che offrono sempre scorci davvero di grande interesse non solo paesaggistico ma anche storico-culturale; si passa davanti alla pinacoteca, ad una piccola chiesa diroccata di origine medievale, si passa sotto il bastione del castello di Gaeta per poi trovarsi in una piccola viuzza che porta al nostro B&B Il Vecchio e il Mare. Ad accogliervi con un sorriso e un consiglio Chiara che, insieme al compagno, gestisce da anni questa struttura che fa della sua veranda sul mare un vero e proprio fiore all'occhiello.

Le stanze sono molto accoglienti e, se si è fortunati, è possibile usufruire della camera con il terrazzino privato da cui si può scorgere una vista mozzafiato. I due gestori dimostrano di essere ottimi padroni di casa: a colazione non disdegnano un sorriso e una bella chiacchierata durante la colazione a buffet con gli ospiti commentando la visuale, l'ultimo libro letto o, semplicemente, la storia magica del B&B.

All'interno del B&B Il Vecchio e il Mare è possibile anche leggere libri (è attivo lo scampbio libri) che troverete sia nel grande salone antistante la terrazza panoramica sia nelle stanze, un buon modo per rilassarsi dopo una giornata di sole presso la vicina spiaggia del Serapo che dista a circa 2 km di distanza ed è facilmente raggiungibile sia a piedi sia con il Cotral.

Che dire, il B&B Il Vecchio e il Mare è un vero e proprio punto di riferimento per visitare la Gaeta Medievale, un vero e proprio gioiello storico, culturale e culinario del basso Lazio.

Posizione: 5/5
Colazione: 5/5
Accoglienza: 5/5

Sito Web: http://www.ilvecchioeilmare.net/site/
Facebook


domenica 25 giugno 2017

11 LUGLIO 2017...GRANDI SOPRESE A NARNI SOTTERRANEA!



Un grande sogno si realizzerà l'11 luglio! Sarà inaugurata la ricostruzione virtuale della chiesa ipogea! Faremo un viaggio nella storia, rivivendo le diverse fasi che la chiesa, di San Michele Arcangelo, ha subito nel corso dei secoli. Inoltre: si potranno rivedere gli affreschi, come erano, prima che venissero coperti dal calcare.

Tutto questo è stato possibile grazie al gesto di grande sensibilità di Luis Apperti. Un turista messicano, rimasto ammaliato, che si è fatto mecenate realizzando il nostro sogno nel cassetto. La ricostruzione è stata poi resa possibile da Mymax Edutainment, Julia Tarciniu Balan e molti altri...

Quel giorno sarà anche completata la pavimentazione vetrata sopra lo scavo archeologico della chiesa, reso possibile grazie a te e ai tanti turisti che hanno creduto nel progetto di fundraising "La storia sotto vetro".

Ti aspettiamo a Narni Sotterranea l'11 luglio alle ore 11 per condividere questa esperienza!
Vieni? Non ti pentirai di esserci.

martedì 16 maggio 2017

I TEMPLARI IN MOSTRA A TORRACA DAL 30 GIUGNO AL 30 OTTORE

Dal 23 Giugno al 30 Ottobre 2017 le sale espositive del Castello Baronale di Torraca ospiteranno la mostra sugli antichi strumenti di tortura medievali dal titolo "Mostra sui Templari e Strumenti di Torture Medievali". La mostra, promossa dalla Confraternita dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques De Molay in collaborazione con la Confederazione Internazionale Templare di San Bernardo di Chiaravalle con il patrocinio del Comune di Torraca e la stretta collaborazione di CICAS TURISMO di Sapri. Media Partner Sguardo sul Medioevo diretta da Emiliano Amici. Attraverso fedeli ricostruzioni di strumenti di tortura, utilizzati nell’epoca medievale ed anche nei processi Inquisitori, si esaminano i motivi ed i mezzi con i quali per secoli l’uomo ha inflitto torture ad altri uomini. In mostra oltre 30 strumenti di dolore e morte, dalla sedia inquisitoria alla garrota, dalla "Veglia" o c"ulla di Giuda", per arrivare a strumenti meno conosciuti.

Pannelli ed illustrazioni tratte da antichi disegni racconteranno l’utilizzo degli strumenti nel tempo, dal medioevo fino ai giorni nostri, esaminandone i motivi e il contesto storico con l'utilizzo del QRCode che renderà interattiva la mostra.

La mostra intende far riflettere lo spettatore e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle atrocità delle torture e la violazione dei diritti umani in un momento in cui queste tematiche tornano tristemente agli onori della cronaca quotidiana. Inoltre sarà allestita una mostra sui Cavalieri Templari con Opere pittoriche del M° Ernando Venanzi e Storia del glorioso Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo, sarà un’occasione per apprezzare una valida ricostruzione storica e cronologica dei Grandi Maestri Templari e scoprirne le origini, gli usi e i costumi, il mandato temporale e le gesta più significative che li hanno contraddistinti. Verrà allestito anche uno spazio riservato alla Casa Museo-ArteGreco del M° Edoardo Grecò Maestro Templare.
Per il Gran Priore dell'Ordine dei Cavaliri Templari Cristiani Jacques De Molay Fr. Massimo Maria Civale i Cavalieri Templari furono i combattenti più fedeli, più eroici, più coraggiosi nel difendere il Signore e la Cristianità, nel salvaguardare i luoghi sacri della civiltà occidentale e le sue tradizioni. Furono monaci, costruttori, maestri, filosofi, artisti, guerrieri, scienziati e amministratori. Invitiamo tutti Studenti, cittadini e turisti a visitare la mostra”.

Orari apertura: dal lunedì al venerdì 10-20– sabato e domenica 9.30-21. Per il periodo dal 16/07 al 31/08 dal lunedì al venerdì dalle 9 – 22 – sabato e domenica 11.00 – 20.
Per info: Comune di Torraca Telefono: 0973 398131 - http://www.comune.torraca.sa.it/

martedì 2 maggio 2017

PAPA FRANCESCO, HAI DISTRUTTO L'IDEA DI GIUBILEO!

Risultati immagini per san pietro vaticano

Dopo l'articolo sulle chiese a pagamento, Sguardo Sul Medioevo vuole proporre un altro spunto di riflessione, basata su una constatazione che, al di là dei numeri propinati, è personale, del tutto personale. Riteniamo che Papa Francesco abbia distrutto l'idea di Giubileo, di Pellegrinaggio, in nome dell'"immagine" della Sua Chiesa.
Chi vi scrive non è ateo, non è neanche un fervente Cattolico: ama leggere, confrontarsi, studiare e capire, porsi domande proprio perché fatti non foste a viver come bruti.

Il pellegrinaggio, dicevamo...

Per i primissimi cristiani, il pellegrinaggio divenne, soprattutto dopo l'Editto di Costantino e la seguente libertà di culto nell'impero, un modo per andare a visitare Gerusalemme per pregare sui luoghi della Crocifissione. Quando il culto di Cristo iniziò ad espandersi, anche Pietro e Paolo, morti con martirio a Roma e ritenuti i fondatori della Chiesa, il pellegrinaggio assunse un connotato ancora più universalistico.

Fino all'anno mille, il pellegrinaggio era un affare personale, ci si recava spesso da soli lasciando a casa soldi e il testamento perché spesso non si ritornava a casa, vuoi per la lunghezza del percorso vuoi per i pericoli che si potevano incontrare. Dopo l'anno 1000 il pellegrinaggio fu organizzato in maniera collettiva anche, e soprattutto, per motivi di sicurezza. Il senso del pellegrinaggio era essenzialmente uno: recarsi in un luogo sacro per sciogliere un voto, per chiedere una grazia, per espiare delle colpe o una penitenza.

Con il Giubileo del 2015 indetto da Papa Francesco abbiamo assistito ad una mercificazione quasi simoniaca del pellegrinaggio giubilare; benché i numeri facciano sembrare l'anno Santo come un successo, a Roma nessuno si è quasi accorto dell'evento, nessuno. San Pietro è ancora piena (e gratuita), i turisti a San Giovanni, a San Paolo, a Santa Maria Maggiore non mancano mai, così come i compratori di oggettistica sacra nei negozi del centro.

Perchè diciamo che Papa Francesco ha distrutto l'idea di Giubileo?

Immaginate se un pellegrino, magari morto dopo mesi di viaggio ci guarda da lassù e vede un Santo "in limousine" che si fa 600 km per arrivare LUI dal pellegrino e non il contrario: stiamo parlando di Padre Pio, sulla cui figura non mi esprimo perché non ho sufficienti strumenti per capire. Ovviamente, non se ne fa una colpa al Santo ma come è possibile, piegarsi al vile denaro in un modo così bieco? Perché non si è lasciato tutto come era con i pellegrini che vanno a San Giovanni Rotondo o Pietrelcina? Perché si è dovuto mettere in campo un numero di forze che neanche il Presidente degli Stati Uniti? Era un Giubileo è una orrida messa in scena per far avvicinare qualche persona in più al Vaticano e, quindi, alle attività commerciali nelle vicinanze? (come se avessero bisogno di questo tipo di aiuti).

Non si fa una colpa, si badi, a chi ama Papa Francesco, Sguardo Sul Medioevo non lo ama, come non ha amato, anzi, Giovanni Paolo II però ci vogliamo chiedere perché in nome dell'immagine della Chiesa è stato il santo a venire dal pellegrino e non il contrario? Perché?

Perché ormai in chiesa non ci va più nessuno e si è cercato di avvicinare anche il credente ormai sfiduciato? Perché c'era bisogno di Marketing? Perché proprio Padre Pio? Le persone devote a Padre Pio sarebbero venute a Roma se non ci fosse stato lui esposto?

Questo post è critico e vuole aprire un dibattito perché qui non stiamo discutendo la necessità di pregare o di avere un angelo custode, qui si tratta di capire perché un uomo si permette di sovvertire il senso stesso del Giubileo e nonostante tutto venga acclamato dalla stampa mondiale e da poveri devoti servi del Signore che, ignari e poco curiosi, decidono di accettare tutto perché viene dall'uomo scelto da Dio?

Siamo molto delusi da questo Giubileo, ma soprattutto siamo arrabbiati per come il senso vero del viaggio spirituale sia stato abbassato al livello di una spesa al supermercato.

GIOCHI MEDIEVALI: PERCORSO DI ADDESTRAMENTO

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Altro avvenimento assolutamente da non perdere organizzato dagli amici di Accademia Medioevo. Per passare una domenica di maggio immersi nella natura alla ricerca di antichi giochi e tradizioni medievali, questo evento è proprio quello che fa per voi. Riportiamo di seguito le attività proposte.

Giochi Medievali: percorso di Addestramento


Dalle 9:30 alle 12:30 - Nel corso della mattina si svolgerà un percorso di Addestramento con Spada, Tiro con l'Arco ed introduzione dei Giochi d'arme a Cavallo.

Partecipazione gratuita- PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Il pomeriggio, dalle 14:30 alle 16:00 - su prenotazione, una sessione di approfondimento a cavallo (con un contributo di € 15,00). A disposizione l'area pic-nic per chi partecipa alle attività pomeridiane.

per ulteriori info:
http://www.accademiamedioevo.it/scheda-evento/130/workshop/arti-marziali/Giochi-Medievali.html

lunedì 24 aprile 2017

LO SCANDALO DELLE CHIESE A PAGAMENTO


Metti una domenica a Orvieto, nel cuore della Tuscia. Tutto bello, città ben tenuta, pulita, ordinata, suggestiva e colorata. Metti, che alle 2 del pomeriggio ti venga voglia di entrare nel Duomo, ti avvicini all'ingresso e alla cassa trovi un omino pelato che ti chiede un obolo di 4 euro per visitare la Chiesa. Indignato vado via con l'amaro in bocca per tuffarmi nei meandri di Orvieto Sotterranea, molto interessante la visita, meno simpatiche le signore che facevano i biglietti che non hanno accettato il mio pagamento con il bancomat, ok...

Riflettendo sull'esperienza, decido di dedicare un post allo scandalo delle chiese a pagamento e vengo a scoprire che in Italia 59 chiese sarebbero accessibili previo pagamento tranne per i pellegrini e chi si reca in preghiera, come se ci fosse differenza tra pellegrino, cittadino o cattolico praticante. Proprio la Conferenza Episcopale Italiana, nel 2012, affermò che
«L'accesso alle chiese aperte al culto non può essere condizionato al pagamento di un biglietto di ingresso. Questa regola - spiega la Cei - vale sia per le chiese di proprietà di enti ecclesiastici che per quelle dello Stato, di altri enti pubblici e di soggetti privati. Si applica anche alle chiese di grande rilevanza storico-artistica, interessate da flussi notevoli di visitatori: è fondamentale, infatti, che il turista percepisca di essere accolto nel luogo sacro e, di conseguenza, si comporti in maniera adeguata e rispettosa»
D'altronde è Cristo stesso che dice che la Chiesa deve essere aperta a tutti e che il pellegrino non può pagare per pagare. Ovviamente cripte, musei particolari, e luoghi anche interni alla chiesa non legate alla preghiera è giusto che siano visitabli pagando un ticket di ingresso ma inginocchiarsi davanti un altare, raccogliersi in preghiera non può e non deve avere un costo (un'offerta libera può anche starci) ma una vera e propria tassa è qualcosa di aberrante

Ora, con tutto il rispetto per il meraviglioso Duomo di Orvieto, un'opera dell'uomo di rara bellezza, se pago 4 euro per entrare, quanto dovrei pagare per San Pietro, San Giovanni o Santa Maria Maggiore ossia le tre chiese più importanti del mondo cristiano e non solo? Come posso avvicinare gente e famiglie alla cultura se anche il semplice ingresso in una chiesa costituisce una spesa?

La contingentazione dei turisti, in caso di "assalti" al bene culturale è naturale, giusto e sacrosanto anche da un piunto di vista della sicurezza  sia delle persone sia del bene ma il senso intrinseco nell'opera non deve essere dimenticato, mai.

A supporto di quanto detto, riportiamo un link di approfondimento interessante.

A questo punto non resta che trovare la direttiva CEI e presentarla al primo botteghino di una delle 59 chiese e vedere come il "dipendente" reagisce: al limite, con la scusa della preghiera, riuscirete a varcare la soglia del Minosse di turno e potrete godere di spettacoli inenarrabili.

Fonte Foto Wikipedia, Autore: Luca Aless (CC BY-SA 4.0)

6 MAGGIO 2017, SBARCO DEI TEMPLARI A SALERNO

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

Si terrà Sabato 6 Maggio lo sbarco dei Cavalieri a Salerno della Confederazione Internazionale Templare di San Bernardo di Chiaravalle la più potente e numerosa federazione mondiale Templare, prima tappa alle ore 12.00 presso l'avamposto del Castello di Arechi dove continua la Festa della Croce Templare con il raduno dei Cavalieri e la benedizione della Croce Templare, alle ore 13.30 Conviviale Templare....Ore 17.00 Processione e Santa messa. per info e dettagli: 334.5383209 oppure invia una email a: cavaliericristiani@libero.it.

Ore 11.30  Raduno Cavalieri e Dame  Castello di Arechi 
Ore 12.00  Benedizione della Croce Templare e Vestizione (Castello di Arechi)
Ore 13.30  Conviviale Templare e Consegna attestati (Castello di Arechi)
Ore 17.00  Processione Traslazione Reliquie di San Matteo (piazza portanova-Duomo)  e Santa messa


LA CONFRATERNITA INTERNAZIONALE DI VOLONTARIATO DELL'ORDINE DEI CAVALIERI CRISTIANI JACQUES DE MOLAY

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

La Confraternita Internazionale di Volontariato dell’Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani, Jacques De Molay, d'ispirazione cristiana nasce da un'idea di persona che è "immagine e somiglianza di Dio ", di un Dio che entra nella storia con libertà, gratuità ed umiltà, e che insegna la carità, l'amore come principio della relazione tra Dio e gli uomini e degli uomini tra loro. Affascinati dalla storia delle Crociate, ed in particolare dei valorosi Cavalieri Templari, si sono apprestati alla costituzione di questa Confraternita di Volontariato in memoria del Ordine dei Valorosi Cavalieri Templari e di tutti e 23 Gran Maestri Della Milizia Del Tempio in particolare di Jacques De Molay, tentando di portare avanti il loro pensiero altamente cristiano e umano.

La Confraternita Internazionale di Volontariato dell’Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani, Jacques De Molay, si occupa anche della diffusione della cultura medievale e templare con eventi a tema, rievocazioni, processioni e opera nel campo sociale con una serie di attività caritatevoli in supporto ai più bisognosi.

Sito web: http://cavaliericristiani.blogspot.it/

martedì 18 aprile 2017

LA RELIQUA DI SAN GIOVANNI PAOLO II A MESAGNE


La reliquia di San Giovanni Paolo II è a Mesagne, accolta anche da miglia di fedeli a Mesagne-Brindisi accompagnate da una  delegazione dell'Ordine Cavalieri Templari Cristiani Internazionale "Jacques de Molay" Poveri Cavalieri di Cristo.

L'Ordine Cavalieri Templari Cristiani Internazionale "Jacques de Molay" Poveri Cavalieri di Cristo, il Gran Priore Internazionale fr. Massimo Maria Civale di San Bernardo con una delegazione di Cavalieri Pier Massimo Caiazzo, Claudio Russo, Giuseppe Lofrano, Alessandro Carannante, Pierpaolo Sinigaglia, Nicolantonio Logoluso, il Cav. Ciro Barba, la Gran Dama Felicetta Silvestri, la Dama Costantina Vurchio,l'Ambasciatore Cav. Giuseppe De Pasquale, il commendatore Pina Catino, Don Francesco Balzano, il Postulatore accreditato presso la  Santa Sede avv. Nicola Giampaolo hanno ricevuto in consegna a Roma la Reliquia contenente il sangue del Pontefice Giovanni Paolo II e l'hanno scortato da Roma a Mesagne alla chiesa di Sant’Antonio da Padova accolta dal parroco don Massimo Alemanno.

A Mesagne ha presenziato alla Santa Messa anche una delegazione dei Cavalieri Templari Cristiani – Poveri Cavalieri di Cristo la Commenda di Bisceglie responsabile della Provincia BAT. La Comunità parrocchiale di Sant'Antonio da Padova in Mesagne, in preparazione all'inaugurazione del nuovo complesso parrocchiale “S. Giovanni Paolo II” si è predisposta ad accogliere la reliquia di “San Giovanni Paolo II”.
Il reliquiario, in bronzo argentato e dorato opera dello scultore Carlo Balljana, contenente il sangue del Santo è giunto a Mesagne da Roma martedì 4 aprile alle 18,00 sul piazzale della Chiesa di Sant'Antonio in Via Torre S.S. ad attenderlo circa 1000 fedeli.

La reliquia è stata esposta nella Chiesa di Sant'Antonio a Mesagne sino a mercoledì 5 aprile mentre il Giovedì e stata esposta nella nuova Chiesa dedicata al grande santo Papa Giovanni Paolo II.
L’hanno scortata da Roma a Mesagne, dove ha  sostata in occasione dell’inaugurazione del nuovo complesso parrocchiale “San Giovanni Paolo II” della comunità di Sant'Antonio da Padova.
La più preziosa reliquia di San Giovanni Paolo II è stata in ottime mani. Grande, il consenso per il servizio d’ordine prestato dai Cavalieri Templari Cristiani “Jacques de Molay”, prestigioso ordine che vanta la presenza di diversi Pugliesi, in occasione della traslazione dell’ampolla contenente il sangue di san Giovanni Paolo II, che tanti fedeli attendevano di venerare. Quanto al citato reliquiario-libro, si tratta di un’opera realizzata in bronzo argentato: su una pagina è riprodotto il pastorale sotto il quale è inserita l’ampolla con il sangue del pontefice e nella pagina accanto appare lo stemma pontificio con la scritta ‘Noli timere’ (Non abbiate paura) una celebre frase del papa polacco, morto nel 2005 e beatificato il 1º maggio 2011.

Giovedì 6 aprile hanno anche ricevuto il mandato di prendere in consegna il dono che papa Francesco ha fatto alla neonata chiesa: un medaglione contenente i suoi capelli accompagnato da una lettera firmata dal Papa. Un servizio d’ordine , che si e reso necessario dopo che nel 2014 dalla chiesetta di San Pietro della Ienca, vicino L'Aquila, sotto il Gran Sasso, fu trafugata l'ampolla con il sangue di Giovanni Paolo II. Quel luogo era caro al Papa polacco, che lo scelse per raccogliersi in preghiera. 
Un furto sacrilego, probabilmente su commissione,  che  creò molta impressione nella  comunità locale da sempre devota a papa Wojtyla, che con la gente d'Abruzzo amava intrattenersi durante le sue numerose escursioni sul Gran Sasso. La Curia aquilana  informo del furto la Santa Sede, La polizia fermo tre giovani che confessarono e fecero ritrovare la teca con l’ampolla, giustificandosi che  pensavano si trattasse di un oggetto senza alcun valore

La Comunità parrochiale di Sant’Antonio da Padova in Mesagne, ha ringraziato  ufficialmente con una pergamena la Confraternita di Volontariato dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques de Molay per la stretta e importante collaborazione per aver traslate con una delegazione di 9 Cavalieri  da Roma e Mesagne le reliquie di Giovanni Paolo II che hanno provveduto a riportarle a Roma presso la Santa Sede dove sono custodite.

I TEMPLARI IN MOSTRA A MILANO - PROROGATA FINO AL 5/11/2017

cropped-17390430_258556751220616_6388877142426917615_o

I Cavalieri Templari tornano protagonisti nella mostra "Templari: storia e leggenda dei cavalieri del Tempio" ideata dalla Fondazione DNArt e curata da Don Cosimo Damiano Fonseca. La mostra, creata presso lo Spazio Cobianchi Duomo a Milano, ha il patrocinio della Regione Lombardia, Camera di Commercio di Milano e di altri enti privati. La mostra è stata inaugurata il 13 aprile e dal 14 è aperta al pubblico attraverso l'entrata della Galleria Vittorio Emanuele lato via Tommaso Grossi ed è totalmente gratuita per i possessori dell'Abbonamento Musei.

***Mostra prorogata fino al 5 Novembre 2017***

Fra gli articoli esposti troviamo: il Codice in pergamena con la Regola dei Cavalieri del Tempio che proviene dalla Biblioteca Nazionale Licei di Roma, i documenti del Processo direttamente dagli Archivi Segreti, La Grande Tavola a foglia oro di San Nicola pellegrino della Cattedrale di Trani, la Croce stradale del cammino verso la Terra Santa del XII secolo del Museo Medievale di Arezzo e la Corona di Ruggero II del Museo Nicola Iano di Bari. Grazie all'esposizione dei documenti, sarà possibile ripercorrere le varie tappe della vita dell'ordine dei Templari conoscendo anche tutti quei personaggi che ne hanno fatto la storia: proprio per questo la mostra vanta un percorso didattico di qualità particolarmente adatto anche agli studenti e ragazzi in età scolare.

LA ROCCA DEL CAMPIDOGLIO

Prima di essere sede dell’attuale amministrazione Capitolina, dei musei capitolini, del palazzo rinascimentale michelangiolesco e del palazzo Senatorio medievale, il palazzo del Campidoglio è stato una rocca a protezione di un punto strategico dai primi villaggi dell’età del bronzo e l'alto medioevo.

Tuffiamoci nel passato tra mito e storia, cavalcando per quasi quattromila anni.

La leggenda vuole la fondazione di Roma sul colle Palatino ad opera di Romolo, tuttavia l’archeologia attesta nuclei abitativi, fin dal 1500 a.C., su tutti i colli romani e in particolar modo sul monte Capitolino (Campidoglio) da cui si dominava il guado del Tevere, l’isola Tiberina. Il Tevere costituiva sin dal antichità il confine tra le popolazioni etrusche e latine, ed il controllo dell’isola Tiberina era strategico sul passaggio di merci e persone.

Tornando alla leggenda Romolo tracciò un solco quadrato delimitando le mura della città, più realisticamente, il primo re di Roma, riunì i villaggi, fortificandoli in una unica città, per meglio difendersi dagli attacchi di Etruschi e Sabini, ne è testimonianza il racconto mitologico del Ratto delle Sabine come espressione della continua guerra con questi ultimi.

La presenza di una struttura fortificata sul Campidoglio è accennata da Tito Livio in Ab Urbe Condita a riguardo del sacco di Roma del 390 a.C. da parte di Brenno e dei suoi Galli Senoni, che posero d’assedio il Campidoglio, dove si rifugiarono i senatori dopo la sconfitta dell’esercito romano sulla
Salaria.

La destinazione militare del Campidoglio s’interruppe nel 78 a.C., quando su di esso fu edificato il Tabularium, nome derivato dai documenti che custodiva incisi su tabulae bronzee, l’archivio di Stato della repubblica.

A seguito della caduta dell’impero e alle continue scorrerie di barbari nell'agro romano, fu abbandonato alla rovina, fino a quando la sua posizione strategica, indusse nuovamente la fortificazione del colle. Le prime testimonianze certe si hanno nel 1144, quando sui resti del Tabularium la famiglia dei Corsi innalzò una rocca, ancora ben visibile sulla facciata posteriore del palazzo del Campidoglio. La rocca aveva pianta regolare con quattro torri angolari quadrate e una quinta centrale con la funzione di Mastio. L’ingresso principale era raggiungibile da una scala quindi sopraelevata e ben difendibile. Merli e caditoie resero la struttura inespugnabile e ben presto venne requisita da papa Innocenzo VI come sede dei Senatori nel nuovo statuto del comune romano del 1358.

Lo spiazzo sterrato antistante era stato destinato alle adunanze di popolo ed affiancato da edifici destinati alla sede dei Banderesi, cioè dei capitani della milizia cittadina.

Nel 1453, papa Niccolò V fece costruire il Palazzo dei Conservatori, ristrutturando pesantemente le Case dei Banderesi per realizzare la sede della nuova magistratura. I lavori di rifacimento coinvolsero anche il Palazzo Senatorio, ma furono interrotti dalla morte del pontefice. Il progetto di sistemazione della piazza del Campidoglio fu ripreso da papa Paolo III e affidato a Michelangelo: furono quindi costruiti il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Nuovo, attuali sedi dei Musei Capitolini.

La transizione da struttura militare a palazzo rinascimentale è totale sulla facciata nord: l’ampia scalinata di rappresentanza, affiancata dalle statue del Tevere, del Nilo e della dea Roma, l’apertura di luminose finestre, la trasformazione del Mastio in garitta con campane (e successivamente orologio). Al contrario la facciata sud è una fotografia del antico palazzo dei Corsi, che consente ancora oggi di vedere la stratificazione dalla Roma Classica a quella medievale. Nella piazza realizzata, secondo il progetto di Michelangelo e ultimata dopo la sua morte, fu collocata la celebre statua equestre di Marco Aurelio e una nuova scala di accesso, la Cordonata, che permetteva la salita anche a cavallo, grazie ai gradini bassi e in pendio.

Sui resti del tempio di Giunone Moneta era sorta la basilica di Santa Maria in Aracoeli a cui si accedeva con una ripida scalinata, e il suo convento, poi distrutto per ottenere lo spazio necessario alla costruzione del Vittoriano portando alla definitiva situazione attuale del colle del Campidoglio.

Da www.banderentium.it, Articolo di Giuseppe Benevento

lunedì 10 aprile 2017

DISSOLUTO, CAVALIERE, SANTO: GALGANO GUIDOTTI




In ogni mito c’è un fondo di verità e in ogni storia c’è uno spunto per una leggenda. Le notizie sul cavaliere Galgano Guidotti sono frammentarie e inquinate dal mito che ne seguì alla sua morte. Compiamo un balzo indietro, sino alla metà del 1100, nella Tuscia, terra disputata da tre grandi potenze dell’epoca: Siena, Pisa, Firenze. Comuni e Signorie che nel pieno della lotta tra Chiesa e Impero tentano di ritagliarsi la propria indipendenza. Sono gli anni sanguinosi delle faide tra Guelfi e Ghibellini, dove lo stesso Dante Alighieri ne farà le spese con un esilio forzato. Anni di violenze, soprusi e stupri vissuti come manifestazione della propria forza. In questi anni, tra bande di cavalieri di ventura e castelli in assedio, nacque Galgano, presumibilmente, nel 1148 a Chiusdino, nel senese, da Guidotto e Dionigia, da una famiglia della nobiltà locale. Dell’infanzia non se ne sa nulla e della gioventù gran parte lo si volle coprire con un velo, perché Galgano non era da meno dei suoi coetanei, orientato alla lussuria e agli eccessi, violento, beone spesso coinvolto in risse, poche e significative sono le incisioni nel Codice Laurenziano «Qui adolescentie sue tempore lascivie argumentis aliquantulum animum relaxavit.» («Nella sua gioventù egli abbandonò non poco il suo corpo alle tentazioni della dissolutezza.»).

Tuttavia nell'aria ferveva un sentimento di pentimento, di redenzione: erano gli anni dei pellegrinaggi in Terra Santa, dove centinaia di migliaia di uomini e donne mettevano a rischio la loro vita per espiare le proprie colpe. Guidotti, al colmo della sregolatezza, si mise in cammino, anche lui, ma in cerca di se stesso e della Fede. Ebbe due visioni che lo trasformarono: nella prima vide il suo destino da cavaliere di Dio sotto la protezione dell’Arcangelo Michele in difesa dei deboli e al fianco dei Giusti. Anni dopo la seconda visone, seguendo l’Arcangelo giunse a Monte Siepi dove incontrò i dodici apostoli. Qui abbandonò i suoi abiti di cavalieri, cucì il mantello in saio. Non avendo legno per una croce, infisse la spada in una roccia e su di essa costruì un romitorio con giunchi e frasche. La sua nuova vita di eremita non passò inosservata, già negli ultimi anni terreni, un flusso di credenti affollava i piedi della collina dove si era ritirato. Morì il 30 novembre del 1181 (qualcuno sostiene il 3 dicembre del 1180).

Nel giro di pochi anni il flusso di pellegrini divenne un fenomeno di massa. Venne edificata una rotonda attorno alla spada e l’abbazia cistercense, ai piedi della collina, attiva fino alla metà del 1700. Non ci sono prove dirette di quanto Galgano condizionò la vita di molti contemporanei ma ci sono evidenze che non possono essere delle coincidenze. Primo fra tutti San Francesco che si spogliò di ogni avere come i suoi Frati Minori predicando l’abbandono di ogni forma di ricchezza e corruzione per corteggiare la Semplicità.

La storia di Galgano non rimase confinata nella terra italica, cavalcò in tutta Europa, viaggiando nei testi e nelle musiche dei trovatori e dei menestrelli di corte in corte di regno in regno, fino ad influenzare il mito più suggestivo di tutti: Re Artù. Di Artù esisteva già la leggenda (è citato in vari poemi gallesi, tra cui Y Gododdin del 594 d.C.) come un dux bellorum che sulle ceneri della Britannia romana, unifica i popoli e combatte le tribù dei sassoni e degli angli. Sono brandelli di testo che pochi ricordano, tuttavia in quegli anni rifiorisce la favola arturiana, in seguito all’annuncio, da parte dei monaci di Glastonbury, di aver trovato le tombe di Artù e Ginevra nelle fondamenta della cattedrale, siamo alla fine del XII secolo. 

È proprio al volgere del secolo, che nasce la leggenda come la conosciamo tutti, ed è dovuta a tre romanzi. Il Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmouth  (1138), il Merlin di Robert de Boron (1191) e il "Lancillotto o il cavaliere della carretta", scritto all'incirca nel 1170 da Chretien de Troyes. Da questi tre nasce la figura completa di re Artù: un uomo giusto e leale, che si oppone alla corruzione e alla violenza (prima fase di vita di Galgano), consacrato al potere dal volere di Dio con l’estrazione della spada dalla roccia (è come un passaggio di testimone, Galgano, per seguire il Signore, lascia la spada, simbolo di vita terrena, a chi riprenderà dalle sue orme), combatte contro le dispute dei singoli regni e li riunifica sotto la sua guida (la Francia e l’Inghilterra sono regni unificati e le immagini si legano maggiormente all'Italia). Quello che emerge dai tre romanzi è in realtà una ricerca della verità, della giustizia, della redenzione dei propri peccati come il Percival alla ricerca del suo Santo Graal, sui passi già percorsi dal dissoluto e santo Galgano Guidotti l’eremita toscano, l’Artù italiano.

Da www.banderentium.it, Articolo di Giuseppe Benevento

lunedì 3 aprile 2017

IL GONFALONE

Risultati immagini per rievocazione storicoIl Gonfalone, è un vessillo generalmente di forma rettangolare appeso per il lato minore ad un'asta orizzontale che consente al suo portatore (gonfaloniere) di portarlo in tutta comodità. I gonfaloni, oggi, vengono usati da tutti i comuni per rappresentare il proprio simbolo araldico: allo stesso modo durante il Medioevo, il gonfalone assunse un ruolo di immagine di grande importanza. L'Arcinconfraternita del Gonfalone, fondata nel 1274, fu la prima a utilizzare il vessillo anche grazie all'opera di San Bonaventura. La confraternita, che fu chiamata prima dei Raccomandati, utilizzava il proprio gonfalone in occasione della processione del giovedì. Oggi sono utilizzati nelle rievocazioni storiche e come supporto per il simbolo del comune.

Colui che portava il gonfalone era in gonfaloniere o vessillifero (dal latino vexilium che signifa vessillo). Durante il periodo medievale, il gonfaloniere era colui che aveva l'onore di proteggere e custodire il gonfalone del Comune. Il termine, successivamente, indicò determinati tipi di magistrature, come ad esempio a Firenze con il Gonfalone di Giustizia fondato nel 1293 che rappresentava la più alta carica della magistratura, presidiava il Collegio dei Priori della Repubblica Fiorentina. la carica fu abolita dai Medici nel 1530 insieme alla costituzione repubblicana. Nel 1400, infatti, la carica fu affidata sia ai membri della potente famiglia medicea sia ai propri alleati, dando luogo ad una signoria molto variegata in grado di esautorare le magistrature cittadine. Dopo la cacciata di Piero de' Medici nel 1494 e il seguente governo di Savonarola, le famiglie fiorentine nominarono Gonfaloniere a vita Pier Soderini nel 1502 (incarico che durò fino al 1512) tentando di riorganizzare il governo fiorentino secondo le vecchie magistrature comunali. 

Di seguito si elencano le famiglie che diedero più di cinque Gonfalonieri alla Repubblica di Firenze:

Acciaiuoli, Alberti, Albizzi, Aldobrandini, Antelli, Ardinghelli, Baroncelli, Bartoli, Bastari, Beccanugi, Biliotti, Bonciani, Bordoni, Bucelli, Canigiani, Capponi, Carducci, Carnesecchi, Castellani, Cocchi, Corbinelli, Corsi, Corsini, Covoni, Da Filicaia, Davanzati, Del Benino, Dietisalvi Neroni, Federighi, Gherardi, Gianfigliazzi, Giugni, Guadagni, Guasconi, Guicciardini, Machiavelli, Magalotti, Malegonnelle, Marignolli, Martelli, Medici, Minerbetti, Moregli, Nasi, Niccolini, Nobili, Pandolfini, Pecori, Peruzzi, Pitti, Pucci, Quaratesi, Ricci, Ridolfi, Rondinelli, Rucellai, Sacchetti, Salviati, Serragli, Serristori, Soderini, Spini, Strozzi, Stufi, Tornaquinci, Valori, Vettori.

Oggi, il mondo della Rievocazione Storica, e lo studio filologico dei simboli antichi medievali ha obbligato enti, associazioni e pro loco comunali a dotarsi degli antichi strumenti per creare una Rievocazione storica in linea con la propria tradizione. Per questo Sguardo Sul Medioevo vuole evidenziare l'attività di AP Bandiere, premiato con l'Attestato di Eccellenza Medievale, leader nel settore della creazione di bandiere per stati, per rievocazioni e per enti culturali. AP Bandiere produce labari e nastri per qualsiasi impiego, da quelli per gli enti amministrativi, a quelli delle associazioni.

Ap Bandiere è il partner ideale per rendere unica la tua rievocazione storica.

Franco Cardini, Firenze, la città delle torri, Milano, Fenice, 1995-2000.
I. Caliari, I protagonisti della civiltà, Edizioni Futuro, 1981.
Marcello Vannucci, Storia di Firenze, Roma, Newton & Compton, 1992.

APBandiere

giovedì 30 marzo 2017

CALENDARIO ATTIVITÀ CENTRO SPERIMENTALE EOS


IL CENTRO SPERIMENTALE di ACCADEMIA MEDIOEVO apre alle ATTIVITÀ della Primavera/estate 2017 con numerose iniziative per adulti, ragazzi e famiglie. Al fine di promuovere la conoscenza e la pratica delle Antiche Arti, della Vita Naturale, del Saper Fare e del contatto con gli Animali in un'atmosfera di altri tempi, ACCADEMIA MEDIOEVO propone un fitto programma di appuntamenti gratuiti e a contributo simbolico. 

Il calendario delle attività

- Domenica 12 Marzo ore 10,30 -14,00
Laboratorio - Corso di Cucina Medievale - 15,00 €
3 ore per conoscere e sperimentare la cucina nel Medioevo

- Domenica 12 Marzo ore 16,00 -18,00
Laboratorio - Corso di Calligrafia Medievale - 15,00€
per principianti (dai 13 ai 99 anni)

- Domenica 26 Marzo ore 10,00 - 16.00 
Workshop di Spada Medievale - Il Richiamo della Spada
Scuola dell'Arte della Spada Medievale "La Via della Spada"
Presso l'Aula Magna della SM "Dionigi"-  Via S.M. della Pace 55 - Lanuvio
Costi e prenotazioni: 35,00€ - info@accademiamedioevo.it - tel. 3924442580

- Domenica 9 Aprile ore 11,00 - 16.00 

OPEN DAY

Mostra Armi e Armamenti, Giochi Antichi, Fattoria Didattica, Area Pic-Nic

Ingresso gratuito

- Sabato 22 Aprile ore 20:00
Cena Medievale con Animazione di Giochi Antichi
Una serata per fare un salto indietro nel tempo, assaporare i cibi di un banchetto medievale 
in un'atmosfera suggestiva ed accogliente. Vi accoglieranno abitanti del luogo direttamente 
arrivati dall'anno Mille per coinvolgervi in giochi di astuzia, fortuna e strategia.
prenotazione obbligatoria - 25,00 € Adulti - 20,00 € Bambini (fino 12 anni)

- Domenica 25 Aprile  ore 10:00 - 17:00
Vita nel Medioevo
Una giornata per vivere da medievali:  Addestramento di Spada, tiro con l'arco e
avvicinamento ai giochi d'arme a cavallo, cucina e giochi antichi - 25,00 € (età minima 15 anni)

- Domenica 7 Maggio  ore 10:00 - 16:00
Stage Introduttivo di Cavalleria Medievale
Antica Scuola di Addestramento della Cavalleria Medievale
Costi e prenotazioni: 50,00€ info@accademiamedioevo.it - tel. 3924442580

- Sabato 20 Maggio  ore 17:00 - 20:00
Laboratorio di Lavorazione del Cuoio - 20,00 €

- Domenica 21 Maggio  ore 10:30 - 12:30
Il Laboratorio di Merlino - Un viaggio Sensoriale per esplorare la magia delle erbe nel medioevo, tra filtri, pentoloni e formule magiche nel laboratorio di Merlino.
ingresso gratuito - per famiglie - prenotazione obbligatoria

- Venerdì 2 Giugno  ore 10:30 - 16:30
I Giardini di Camelot - Una giornata  da giovani aspiranti cavalieri: cavalli, spade, archi e giochi antichi. - 5,00 € a persona - per famiglie - gradita prenotazione (posti limitati)

- Sabato 3 Giugno  ore 10:00 - 18:00
Viking Kamp - Una giornata  in accampamento Vichingo: Combattimenti, Rune, Cibo  
25,00€ a persona - prenotazione obbligatoria (età minima 15 anni)

Con la chiusura delle scuole riapre inoltre il CENTRO ESTIVO I Giardini di Camelot con Laboratori di Arti e di Cucina, Tiro con l'Arco, Spada e tanta avventura tra cavalieri, dame e maghi! Il Centro è inoltre disponibile per organizzare Compleanni, Cerimonie o Giornate Tematiche per Gruppi su prenotazione.


SI CONSIGLIA VIVAMENTE DI CONTATTARE ACCADEMIA MEDIOEVO PER PRENOTARE LE ATTIVITÀ' E VERIFICARE EVENTUALI VARIAZIONI DEL PROGRAMMA.

lunedì 27 marzo 2017

ORDINI NEOTEMPLARI, FACCIAMO CHIAREZZA


Risultati immagini per templariIn qualità di blogger culturale non posso esimermi dall'inserire su Sguardo Sul Medioevo le notizie che riguardano il Medioevo in tutte le proprie forme. Vanto amicizie in alcuni ordini neo templari che, a quanto pare, danno fastidio a molte persone letteralmente sobbalzate dalla sedia per via di un articolo precedente riguardo una processione a Notre Dame in occasione del 704° anniversario del rogo di Jacques De Molay.

In questo blog abbiamo parlato più volte della Carta di Larmenio (un falso) e della moda templare che da Dan Brown in poi sembra stia vivendo una nuova vita: questo articolo vuole essere una sorta di "denuncia" circa ciò che avviene all'interno di un ordine neo templare (o almeno quelli da me frequentati in passato), niente di scabroso, niente rituali di sodomizzazione o baci saffici, stiamo parlando solamente di "come" ci si improvvisa templari (o neo templari).

Cosa sono gli ordini neotemplari

Ai sensi dell'articolo 18 della Costituzione Italiana:
"I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare."
Alla luce di ciò, un ordine neo templare ha il diritto di esistere in qualità di Associazione Culturale dotato di Statuto, Atto Costitutivo, Registrazione all'Agenzia delle Entrate e, eventualmente, riconoscimento come Associazione Riconosciuta tramite atto notarile.  

La legge italiana, tuttavia, specifica agli articoli 7 e 8 della legge 178 del 1951

Art. 7
I cittadini italiani non possono usare nel territorio della Repubblica onorificenze o distinzioni cavalleresche loro conferite in Ordini non nazionali o da Stati esteri, se non sono autorizzati con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro per gli Affari Esteri.
I contravventori sono puniti con la sanzione amministrativa sino a lire 2.500.000 (4).
L'uso delle onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche della Santa Sede e dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro continua ad essere regolato dalle disposizioni vigenti (5).
Nulla è parimenti innovato alle norme in vigore per l'uso delle onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Art. 8
Salvo quanto è disposto dall'art. 7, è vietato il conferimento di onorificenze, decorazioni e distinzioni cavalleresche, con qualsiasi forma e denominazione, da parte di enti, associazioni o privati. I trasgressori sono puniti con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da lire 1.250.000 a lire 2.500.000 (6).
Chiunque fa uso, in qualsiasi forma e modalità, di onorificenze, decorazioni o distinzioni di cui al precedente comma, anche se conferite prima dell'entrata in vigore della presente legge, è punito con la sanzione amministrativa da lire 250.000 a lire 1.750.000 (7).
La condanna per i reati previsti nei commi precedenti importa la pubblicazione della sentenza ai sensi dell'art. 36, ultimo comma, del Codice penale.
Le disposizioni del secondo e terzo comma si applicano anche quando il conferimento delle onorificenze, decorazioni o distinzioni sia avvenuto all'estero.

Ora...la questione è semplice. In qualità di associazioni private la nomenclatura dei gradi all'interno delle associazioni stesse sono assolutamente permesse in quanto identificano i ruoli di un'associazione. Ovviamente, non è permessa, ai sensi dei sopra indicati articoli, presentarsi in qualità di Cavaliere dell'Ordine tal dei tali a meno che che, vedasi comma 3 articolo 7 si possa vantare di essere membri delle associazioni cavalleresche riconosciute dallo Stato Italiano e dalla Santa Sede.

Da un punto di vista storico, l'ordine templare rappresentava la fusione perfetta tra il monaco e il cavaliere: parimenti, l'ordine neo templare si fregia di rappresentare il medesimo significato nonostante, questo è sempre bene ricordarlo, solamente il Papa ha il potere di consacrare o abolire un ordine monastico proprio come fece Clemente V con i Cavalieri Templari. 

Tralasciamo in questa sede eventuali scomuniche a carico di chi usa la croce patente su un mantello, vogliamo scendere nel fattore etico della vicenda.

Da Dan Brown in poi il proliferare di ordini neotemplari sembra inarrestabile. Sono migliaia gli ordini (o meglio le Associazioni) che si sono fregiate della croce patente, che svolgono processioni in chiese con in placet del parroco di turno e, alcune volte anche del vescovo di turno, e che basano la propria attività sulla beneficenza.

Da ex membro di alcuni ordini neotemplari, ho vissuto momenti controversi. Naturalmente lungi da me fare nomi e cognomi, mia intenzione è solo quello di farvi capire come funzionano queste associazioni.
In molti casi sono associazioni letteralmente fittizie, o meglio, legali per lo Stato (con codice di riferimento, tasse versate, statuto, atto costitutivo ecc...) ma che, alla fine della fiera, non fanno assolutamente nulla sul campo, niente beneficenza, niente eventi, niente cerimonie (se non quelle di investitura) niente di niente. Di contro ci sono associazioni iperattive, che si sono recate recentemente nelle zone terremotate del Centro Italia, particolarmente attive ogni domenica aiutando supportando il parroco alla celebrazione della messa, creando eventi di sensibilizzazione in zone difficili e così via. Ebbene, cosa c'è di male fregiarsi di una croce su un mantello bianco brandendo una spada? Che fastidio dà alla gente o agli studiosi vedere un uomo che prega con un mantello perché magari animato da ideali cavallereschi?

La cosa da segnalare come fortemente negativa, questa si, è la ricerca del mantello "perché è bello". Alcuni ordini neotemplari di mia conoscenza si divertono a farsi foto come fossero a una sfilata, in posa come ad una festa di matrimonio: questa sorta di abominio culturale ed etico mi infastidisce in quanto il simbolo della croce, tanto più che si riferisce ad un ordine glorioso, non deve essere un mezzo per vantarsi con gli amici e per mostrare un'insegna che, per lo stato, non conta nulla. Attenzione, anche gli ordini cavallereschi riconosciuti dalla Chiesa Cattolica non possono esimersi da una certa sobrietà nell'ostentazione dei propri simboli.

Ci sono alcuni elementi che hanno destato nel tempo il mio più completo sdegno:
  • Membri di ordini neotemplari appartenenti alla Massoneria (attenzione, non ho nulla contro la Libera Muratoria ma, capite bene, è un controsenso abbastanza potente)
  • Membri che ricoprono alte cariche civili con stipendi molto alti (non c'è nulla di male a fare il dirigente commerciale, ma uno stipendio di 6000 euro al mese non ti può configurare come un povero, in tutti i sensi, soldato di Cristo)
  • Membri con Rolex ai polsi
  • Membri con fuoriserie di ogni marca (non potrò mai dimenticare una Maserati)
  • Membri che rifiutano la Comunione in quanto medici (così è stato detto)
Chi vi scrive si è dimesso da un ordine e si sta dimettendo in queste ore da un'altro: il mondo del neotemplarismo preferisco seguirlo da esterno, collaborando da un punto di vista storico qualora ce ne fosse bisogno. Proprio per questo ho ritenuto interessante l'evento degli amici dell'Ordine Jacques De Molay a Notre Dame.

Non sono un membro del loro ordine, ma nel tempo ho avuto modo di conoscere alcuni di loro e le loro attività assolutamente lodevoli in campo sociale; di certo sono una delle associazioni più attive e più sincere con persone davvero votate a Cristo e alla sua Chiesa (tra l'altro recentemente si sono autotassati per finanziare la ristrutturazione di una cappella templare a Napoli) . Ho collaborato in passato con la stesura di pannelli informativi in occasione di un'importante mostra a Napoli, presso il Maschio Angioino, riguardante l'Ordine del Tempio, così come collaboro come ufficio stampa per i loro eventi culturali (incontri, seminari ecc...).

Possiamo stare a parlare per ore del bisogno di mettersi un mantello: io rimango dell'idea che fino a quando si agisce nella legge, mettersi un mantello non è di certo un reato, da un punto di vista etico, per mettersi un mantello che si rifà ad un glorioso ordine medievale, bisogna predisporsi d'animo e agire di conseguenza, d'altronde, non ricordo di templari che giravano in Maserati.

Tengo a precisare che negli ordini in cui sono entrato non ho assistito mai a cerimonie strane, contrarie alla morale pubblica e contrarie alla legge, anzi, ogni cerimonia di investitura è aperta al pubblico che può parteciparvi come meglio crede. 

Non si è voluto offendere nessuno, si voleva solamente spiegare cosa c'è dietro un ordine neotemplare, cosa apprezzare e come riconoscere un ordine falso da uno davvero rivolto al bene comune.

Emiliano Amici

Rimandiamo ad aggiornamenti normativi e restiamo disponibili per segnalazioni integrative

venerdì 24 marzo 2017

EVENTO STORICO A NOTRE DAME: I TEMPLARI NELLA CATTEDRALE!

Il 18 marzo del 2017, la Cattedrale di Notre Dame è stato teatro di un evento di importanza enorme dal punto di vista storico: per la prima volta dai tempi di Napoleone un gruppo neo templare ha ottenuto l'opportunità di entrare in processione in cattedrale per onorare con la celebrazione della Santa Messa il Gran Maestro Jacques De Molay e Geoffrey de Charnay arsi sul rogo proprio nella piazza antistante la cattedrale il 18 marzo del 1307 sancendo la fine dell'Ordine dei Templari.

Gli Ordini in rappresentanza dei fratelli Templari di tutto il mondo: Ordine dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques De Molay Gran Priore Internazionale Massimo Maria Civale di San Bernardo; l'Ordre des Chavalier du Temple Gran Maestro Francois d'Andechs; l' Ordine dei Cavalieri Pietà del Pellicano Gran Maestro Nino Aloi; l'Ordine Nouvel Ordre Mondial Templier Gran Maestro Pierre de Lyon; Confederazione Internazionale Templare San Bernardo di Chiaravalle Ambasciatore e Priore della Campania  Fr. Angelo Schiano di Zenise ; Delegazione Ordine dei Cavalieri di Salomone Cavaliere ufficiale Gennaro Fonso e tanti altri Dame e Cavalieri Templari testimoni dell'evento. Dopo la commemorazione (con una preghiera, cinque minuti di raccoglimento e lancio delle rose nella senna), gli ordini si sono incamminati verso la Cattedrale di Notre Dame dove è stata celebrata la messa in ricordo di Jacques De Molay e Geoffrey de Charne , con la partecipazione di circa 3000 persone che hanno assistito alla S.S. Messa. Gli stessi dignitari degli Ordini presenti hanno partecipato con i propri mantelli alla  processione con il parroco all'interno della cattedrale lo stesso che ha celebrato la Santa messa.    

Un evento di portata storica davvero, in grado di riavvicinare la chiesa all'Ordine del Tempio in un tentativo, ben riuscito, di ricucire uno strappo che dura da secoli e mai del tutto risanato. Non è mancato un momento solenne sotto la targa che ricorda il martirio del Gran Maestro e dell'Alto Dignitario dell'Ordine

giovedì 16 febbraio 2017

INFERNO - DAL 15 FEBBRAIO IN HOME VIDEO


Il Codice Da Vinci e Angeli & Demoni sono stati solo l’inizio e ora con INFERNO, il premio Oscar® Tom Hanks (Miglior attore per Philadelphia nel 1993 e Forrest Gump nel 1994), il premio Oscar® Ron Howard (Miglior Regista e Miglior Film per A Beautiful Mind nel 2001) e l’autore di bestseller Dan Brown si sono ritrovati per l’ultimo intenso thriller di questa franchise miliardaria. Dopo essersi risvegliato in una stanza d’ospedale a Firenze, in Italia, senza ricordare cosa gli sia successo negli ultimi giorni, Robert Langdon (Hanks) si scopre improvvisamente obiettivo di una caccia all’uomo mentre prova a risolvere l’enigma più intricato che abbia mai affrontato. Si uniscono a questa avventura internazionale Felicity Jones (Rogue One: A Star Wars Story), Irrfan Khan (Jurassic World), Omar Sy (X-Men: Giorni di un Futuro Passato), Ben Foster (Hell or High Water) e Sidse Babett Knudsen (Westworld). INFERNO debutterà in DVD, Blu-ray™ e 4K Ultra HD™ il 15 Febbraio 2017 con Universal Pictures Home Entertainment Italia.

ROBERT LANGDON È L’ULTIMA SPERANZA PER L’UMANITÀ IN UN’INTENSA AVVENTURA IN GIRO PER IL MONDO

INFERNO

DISPONIBILE IN DVD, BLU-RAY™ E 4K ULTRA HD™ DAL 15 FEBBRAIO

CON UNIVERSAL PICTURES HOME ENTERTAINMENT ITALIA

GLI EXTRA INCLUDONO OLTRE 25 MINUTI DI SCENE ELIMINATE E SEI CONTENUTI SPECIALI, TRA CUI IL DIARIO DEL REGISTA RON HOWARD!




Il DVD e il Blu-ray™ di INFERNO contengono emozionanti e inediti extra, tra cui scene eliminate e sei intriganti contenuti speciali dietro-le-quinte. Il regista Ron Howard condivide il percorso che ha portato alla creazione del linguaggio iconico descritto nella Divina Commedia di Dante Alighieri e i potenti temi che la storia classica infonde nel film in “Visioni dell’Inferno”, mentre in “Ron Howard, diario di un regista”, gli spettatori seguono l’acclamato filmmaker mentre ritorna nel mondo di Robert Langdon e documenta il suo viaggio attraverso i social media. “Inferno in giro per il mondo” mette in luce il cast stellare internazionale coinvolto nel film e l’accesso senza precedenti a favolose location in giro per il mondo.
Lo scrittore Dan Brown, il regista Ron Howard, lo sceneggiatore David Koepp e Tom Hanks esplorano l’evoluzione di Robert Langdon nelle avventure della franchise e le nuove intuizioni scoperte su questo eroe in “Un profilo di Langdon”. Felicity Jones è la protagonista di “Questa è Sienna Brooks”, che accende i riflettori su uno dei personaggi più complessi del film e la precisione con cui l’attrice candidata all’Oscar® (Miglior attrice, La teoria del tutto, 2014) le ha dato vita, mentre il personaggio di Ben Foster è al centro “Il miliardario malefico: Bertrand Zobrist”: qui gli spettatori entrano nella mente di un brillante - ma pericoloso - cattivo e ascoltano Foster e i filmmaker che spiegano come hanno plasmato questo terrificante personaggio.



CONTENUTI EXTRA IN DVD E BLU-RAYTM:

* Scene eliminate e integrali
* Ron Howard, Diario di un regista
* Un profilo di Langdon
* Il miliardario malefico: Bertrand Zobrist
* Questa è Sienna Brooks
* Inferno in giro per il mondo
* Visioni dell’Inferno

La clip inedita è una esclusiva per Sguardo Sul Medioevo



giovedì 26 gennaio 2017

VISITE ALL'AULA GOTICA DEL MONASTERO DEI SANTI QUATTRO CORONATI

Finalmente visibile a studiosi, turisti e a tutti gli appassionati d'arte uno straordinario ciclo di affreschi della metà del ‘200, fondamentale per la storia della pittura italiana delle origini. Il complesso dei Ss. Quattro Coronati è uno dei monumenti più ricchi di storia, arte e spiritualità di Roma. In questo luogo, dove la storia si è stratificata nell'architettura e nelle decorazioni, è oggi possibile ammirare gli splendidi affreschi dell’Aula Gotica. 

L’Aula Gotica era l’ambiente più prestigioso del palazzo cardinalizio eretto da Stefano Conti, qui si svolgevano banchetti, ricevimenti e si amministrava la giustizia. Mirabile esempio di architettura in stile gotico, eccezionale per la città di Roma, il salone colpisce il visitatore per lo straordinario ciclo pittorico che adorna le sue pareti, attribuito al Terzo Maestro di Anagni e a Giunta Pisano. Gli affreschi, capolavoro del XIII secolo, sono realizzati in vivace policromia e testimoniano un momento fecondo della pittura capitolina, in cui la tradizione bizantina si fonde con un raffinato recupero della classicità antica e con la nuova cultura gotica. Le meravigliose decorazioni sono rimaste per secoli nascoste sotto strati di tinte successive e solo grazie a un lungo lavoro di restauro è oggi possibile ammirarle.

Roma
Aula Gotica del Monastero dei Ss. Quattro Coronati
14-15 febbraio /25-26 aprile / 9-10 maggio 2017

Info e prenotazioni
Tel: 335.495248
Indirizzo: via dei Ss. Quattro 20, 00184 Roma

martedì 10 gennaio 2017

EDIZIONE FESTIVAL DEL MEDIOEVO 2017


FOTOFDM2017_con_date_2

Fissate le date: la prossima edizione del Festival del Medioevo si terrà a Gubbio dal 27 settembre al 1 ottobre 2017. La manifestazione, incentrata sulla divulgazione storica, è giunta alla terza edizione. È l’unica del suo genere nel panorama nazionale e coinvolge autori provenienti da venti università nazionali e straniere.

La formula è ormai collaudata. In cinque giorni di incontri, interviste e “faccia a faccia”, i più importanti storici italiani e europei, insieme a scrittori, giornalisti e uomini di spettacolo, affrontano una vera e propria sfida culturale: raccontare al grande pubblico in modo “facile” e appassionante dieci secoli di storia, dalla caduta dell’impero romano alla scoperta dell’America (476-1492).

Molti e qualificati i protagonisti delle due edizioni precedenti: Alessandro Barbero; Franco Cardini; Jacques Dalarun; Chiara Frugoni; Massimo Montanari; Jean Claude Maire Vigueur; Attilio Bartoli Langeli; Tommaso Di Carpegna Falconieri; Amedeo Feniello; Alberto Grohmann; Francesco Benozzo; Massimo Campanini; Riccardo Fedriga; Franco Franceschi; Umberto Longo; Massimo Miglio; Marina Montesano; Antonio Musarra; Giuseppina Muzzarelli; Enrica Neri Lusanna; Francesca Roversi Monaco; Alessandro Vanoli; Ian Wood e molti altri (per l’elenco completo clicca qui: protagonisti).

Tutti gli incontri sono gratuiti e a ingresso libero.

Il Festival è arricchito da molti eventi collaterali (mostre, rievocazioni, film, concerti, spettacoli, giochi di ruolo e visite guidate) tra i quali spiccano alcuni appuntamenti fissi:

"Miniatori dal mondo" coinvolge esperti da ogni parte del mondo per creare uno scriptorium aperto a tutti per sperimentare questa splendida arte

"Fiera del Libro Medievale". Tutto quello che c’è da leggere e sapere per conoscere meglio l’Età di Mezzo. Le maggiori case editrici italiane e i piccoli editori specializzati presentano al vasto pubblico degli appassionati i saggi, i romanzi, le biografie, gli approfondimenti tematici e i grandi classici che hanno per oggetto dell’età medievale.

"Miniatori e calligrafi dal mondo". Medioevo e futuro si incontrano in un evento dedicato alla moderna arte amanuense.

"Le botteghe e i mestieri". L’artigianato medievale presentato dai migliori espositori nazionali in modo filologicamente corretto.

"La Tavola rotonda del Web". Evento specifico dedicato ai siti specializzati sul Medioevo, costruito in collaborazione con Italia Medievale, Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica e MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell'analisi dei medievalismi.

"Medioevo dei bambini". Giochi, letture, animazioni, laboratori d’arte e corsi di disegno riservati ai più piccoli.

"Mercato Medievale". L’evento, organizzato in collaborazione con i quattro quartieri storici eugubini, presenta i prodotti gastronomici locali a k 0 e le eccellenze artigiane del territorio. Nel mercato vige una moneta autonoma: gli acquisti si pagano in quattrini ed eugubini, che vanno ritirati al banco di cambio medievale.

Il Festival è realizzato dall'Associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune di Gubbio. E’ sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, dalla Regione Umbria, dal Gal Alta Umbria e dalla Camera di Commercio di Perugia. Gode anche del patrocinio del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del patrocinio scientifico dell’Isime, l’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, principale punto di riferimento per gli studiosi che si dedicano all'edizione dei testi storici di età medievale dal 500 al 1500.

Tecla e Metalprogetti sono i principali sponsor della manifestazione.

La RAI, Radio Televisione Italiana, è media partner dell’evento con i canali tematici di Rai Storia e RAI Radio3, insieme al mensile Medioevo e al il sito web Italia Medievale. Più di 50.000 persone, nell’arco di 6 giorni (4-9 ottobre 2016) hanno partecipato all'ultima edizione. Durante la manifestazione, Sergio Mattarella ha conferito la Medaglia d’Oro della Presidenza della Repubblica alla città di Gubbio come “espressione di apprezzamento per l’alto livello culturale del Festival del Medioevo”.

Nel 2016 il Festival del Medioevo ha vinto anche il Premio Italia Medievale riservato alle istituzioni “che si sono particolarmente distinte nella promozione e valorizzazione del patrimonio medievale italiano”. Il sito della manifestazione e la relativa pagina Facebook sono gli indirizzi online dedicati alla divulgazione storica del Medioevo più visitati in Italia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...