Pagine

martedì 18 aprile 2017

LA RELIQUA DI SAN GIOVANNI PAOLO II A MESAGNE


La reliquia di San Giovanni Paolo II è a Mesagne, accolta anche da miglia di fedeli a Mesagne-Brindisi accompagnate da una  delegazione dell'Ordine Cavalieri Templari Cristiani Internazionale "Jacques de Molay" Poveri Cavalieri di Cristo.

L'Ordine Cavalieri Templari Cristiani Internazionale "Jacques de Molay" Poveri Cavalieri di Cristo, il Gran Priore Internazionale fr. Massimo Maria Civale di San Bernardo con una delegazione di Cavalieri Pier Massimo Caiazzo, Claudio Russo, Giuseppe Lofrano, Alessandro Carannante, Pierpaolo Sinigaglia, Nicolantonio Logoluso, il Cav. Ciro Barba, la Gran Dama Felicetta Silvestri, la Dama Costantina Vurchio,l'Ambasciatore Cav. Giuseppe De Pasquale, il commendatore Pina Catino, Don Francesco Balzano, il Postulatore accreditato presso la  Santa Sede avv. Nicola Giampaolo hanno ricevuto in consegna a Roma la Reliquia contenente il sangue del Pontefice Giovanni Paolo II e l'hanno scortato da Roma a Mesagne alla chiesa di Sant’Antonio da Padova accolta dal parroco don Massimo Alemanno.

A Mesagne ha presenziato alla Santa Messa anche una delegazione dei Cavalieri Templari Cristiani – Poveri Cavalieri di Cristo la Commenda di Bisceglie responsabile della Provincia BAT. La Comunità parrocchiale di Sant'Antonio da Padova in Mesagne, in preparazione all'inaugurazione del nuovo complesso parrocchiale “S. Giovanni Paolo II” si è predisposta ad accogliere la reliquia di “San Giovanni Paolo II”.
Il reliquiario, in bronzo argentato e dorato opera dello scultore Carlo Balljana, contenente il sangue del Santo è giunto a Mesagne da Roma martedì 4 aprile alle 18,00 sul piazzale della Chiesa di Sant'Antonio in Via Torre S.S. ad attenderlo circa 1000 fedeli.

La reliquia è stata esposta nella Chiesa di Sant'Antonio a Mesagne sino a mercoledì 5 aprile mentre il Giovedì e stata esposta nella nuova Chiesa dedicata al grande santo Papa Giovanni Paolo II.
L’hanno scortata da Roma a Mesagne, dove ha  sostata in occasione dell’inaugurazione del nuovo complesso parrocchiale “San Giovanni Paolo II” della comunità di Sant'Antonio da Padova.
La più preziosa reliquia di San Giovanni Paolo II è stata in ottime mani. Grande, il consenso per il servizio d’ordine prestato dai Cavalieri Templari Cristiani “Jacques de Molay”, prestigioso ordine che vanta la presenza di diversi Pugliesi, in occasione della traslazione dell’ampolla contenente il sangue di san Giovanni Paolo II, che tanti fedeli attendevano di venerare. Quanto al citato reliquiario-libro, si tratta di un’opera realizzata in bronzo argentato: su una pagina è riprodotto il pastorale sotto il quale è inserita l’ampolla con il sangue del pontefice e nella pagina accanto appare lo stemma pontificio con la scritta ‘Noli timere’ (Non abbiate paura) una celebre frase del papa polacco, morto nel 2005 e beatificato il 1º maggio 2011.

Giovedì 6 aprile hanno anche ricevuto il mandato di prendere in consegna il dono che papa Francesco ha fatto alla neonata chiesa: un medaglione contenente i suoi capelli accompagnato da una lettera firmata dal Papa. Un servizio d’ordine , che si e reso necessario dopo che nel 2014 dalla chiesetta di San Pietro della Ienca, vicino L'Aquila, sotto il Gran Sasso, fu trafugata l'ampolla con il sangue di Giovanni Paolo II. Quel luogo era caro al Papa polacco, che lo scelse per raccogliersi in preghiera. 
Un furto sacrilego, probabilmente su commissione,  che  creò molta impressione nella  comunità locale da sempre devota a papa Wojtyla, che con la gente d'Abruzzo amava intrattenersi durante le sue numerose escursioni sul Gran Sasso. La Curia aquilana  informo del furto la Santa Sede, La polizia fermo tre giovani che confessarono e fecero ritrovare la teca con l’ampolla, giustificandosi che  pensavano si trattasse di un oggetto senza alcun valore

La Comunità parrochiale di Sant’Antonio da Padova in Mesagne, ha ringraziato  ufficialmente con una pergamena la Confraternita di Volontariato dei Cavalieri Templari Cristiani Jacques de Molay per la stretta e importante collaborazione per aver traslate con una delegazione di 9 Cavalieri  da Roma e Mesagne le reliquie di Giovanni Paolo II che hanno provveduto a riportarle a Roma presso la Santa Sede dove sono custodite.

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...