Pagine

lunedì 5 maggio 2014

SAN PIETRO A CREPAROCRE - TORRE SANTA SUSANNA


Ci troviamo a Torre Santa Susanna, città di circa 11.000 abitanti situata a circa 4 Km da Erchie e 10 Km da Oria, dove nelle campagne circostanti alla città si può ammirare una chiesa di epoca bizantina, uno dei moltissimi esempi di chiese bizantine situate in Puglia e anche nella provincia di Brindisi insieme alla Chiesa 
di San Lorenzo fuori dalle Mura a Mesagne, alla Cripta di San Biagio a San Vito dei Normanni, alla Grotta dell'Annunziata a Erchie, cioè la chiesa di San Pietro a Crepacore. Nel 395 con la morte dell'imperatore Teodosio I, l'Impero romano venne suddiviso in due parti dagli eredi al trono, i figli Onorio e Arcadio, per evitare una guerra fratricida per il supremo controllo dello stesso Impero. E così venne diviso in Impero romano d'Occidente (pars occidentalis) governato dal figlio minore Onorio con capitale Milano fino al 402 e Ravenna fino al crollo, e in Impero romano d'Oriente (pars orientalis) o Impero bizantino, dal figlio maggiore Arcadio con capitale Costantinopoli. 
Per l'Impero romano d'Occidente iniziò un periodo di crisi per varie cause (crisi demografiche, le invasioni barbariche, l'anarchia militare, ecc..) che comportò il definitivo crollo, avvenuto nel 476 sotto le spade dei barbari, chiamati dispregiativamente dal popolo romano le popolazioni che vivevano al di fuori dei confini dell'impero, che entrarono nella penisola italiana per saccheggiare, depredare, distruggono le città e uccidono la popolazione, fino a quando non decisero di insediarsi. L'impero bizantino era ancora intatto, nonostante alcuni problemi come il monofisismo, una corrente religiosa svillupata nelle regioni asiatiche dell'impero nel V secolo, elaborata dal patriarca di Costantinopoli Eutiche, il quale sosteneva che la natura umana del Cristo veniva assorbita da quella divina e perciò in lui risiedeva solo la natura divina. Così gli imperatori bizantini cercarono di evitare una condanna per eresia attraverso un compromesso che non soddisfarono nè i seguaci della corrente nè il Papa, ma ci fu chi come Anastasio I, il quale appoggiò la corrente suscitando delle forti reazioni dei sudditi attraverso una ribellione, dove nel 512, perse il trono. L'anno cruciale per le sorti dell'impero, e non solo, fu il 527 quando venne incoronato il nuovo imperatore o basilèus, denominazione data agli imperatori di Bisanzio, Giustiniano, che aveva un sogno, la restaurazione dell'antico impero romano sotto la sua corona (Restuaratio Imperii), ma per farlo doveva liberare gran parte dei vecchi territori dell' Impero romano dai vari regni barbarici. Il progetto partì nel 532 con il patto con l'Impero persiano, che poteva diventare l'ostacolo principale alle ambizioni del nuovo basilèus. Nel 533 iniziò la Guerra vandalica, combattuta dai bizantini per la riconquista dei regni del Nord Africa, dalla durata di un anno con la vittoria da parte dell'esercito bizantino, e la conseguenza di tale guerra fu il crollo del regno vandalico con i territori conquistati che entrarono ufficialmente nel dominio bizantino.


Nel 535 l'imperatore, utilizzando come casus belli l'assassinio di Amalasunta, decise di incaricare il generale Belisario, e successivamente anche Narsete, per cacciare gli Ostrogoti dall'Italia, dando inizio alla Guerra gotica. La guerra durerà 18 anni riuscendo a scacciarli in maniera definitiva dall'Italia, e così anche la Puglia divenne a tutti gli effetti provincia bizantina, lasciando numerose testimonianze a livello artistico tramite la costruzione di chiese e cripte rupestri. Nel 565, Gustiniano muore lasciando il suo trono al nipote Giustino II, e iniziano i problemi i bizantini che dovettero fronteggiare l'invasione di una nuova popolazione da parte dei Longobardi, non fronteggiata come si dovrebbe per la debole resistenza da parte dell'esercito bizantino. I Longobardi riuscirono a conquistare gran parte dell'Italia Settentrionale, duna parte della Toscana e parte del Centro-Sud italiano creando i ducati di Spoleto e di Benevento, insediando la loro capitale a Pavia, mentre i bizantini riuscirono a conservare alcuni dei loro possedimenti, tra cui l'Esarcato (la Romagna, tra cui Ravenna), il Pentapoli (territori costieri delle città di Ancona, Senigallia, Fano, Pesaro e Rimini), una gran parte del Lazio, inclusa Roma, le città costiere della Campania, esclusa Salerno, e infine, la Puglia e la Calabria. 
Il progetto partì nel 532 con il patto con l'Impero persiano, che poteva diventare l'ostacolo principale alle ambizioni del nuovo basilèus. Nel 533 iniziò la Guerra vandalica, combattuta dai bizantini per la riconquista dei regni del Nord Africa, dalla durata di un anno con la vittoria da parte dell'esercito bizantino, e la conseguenza di tale guerra fu il crollo del regno vandalico con i territori conquistati che entrarono ufficialmente nel dominio bizantino. Nel 535 l'imperatore, utilizzando come casus belli l'assassinio di Amalasunta, decise di incaricare il generale Belisario, e successivamente anche Narsete, per cacciare gli Ostrogoti dall'Italia, dando inizio alla Guerra gotica. La guerra durerà 18 anni riuscendo a scacciarli in maniera definitiva dall'Italia, e così anche la Puglia divenne a tutti gli effetti provincia bizantina, lasciando numerose testimonianze a livello artistico tramite la costruzione di chiese e cripte rupestri. Nel 565, Gustiniano muore lasciando il suo trono al nipote Giustino II, e iniziano i problemi i bizantini che dovettero fronteggiare l'invasione di una nuova popolazione da parte dei Longobardi, non fronteggiata come si dovrebbe per la debole resistenza da parte dell'esercito bizantino. I Longobardi riuscirono a conquistare gran parte dell'Italia Settentrionale, duna parte della Toscana e parte del Centro-Sud italiano creando i ducati di Spoleto e di Benevento, insediando la loro capitale a Pavia, mentre i bizantini riuscirono a conservare alcuni dei loro possedimenti, tra cui l'Esarcato (la Romagna, tra cui Ravenna), il Pentapoli (territori costieri delle città di Ancona, Senigallia, Fano, Pesaro e Rimini), una gran parte del Lazio, inclusa Roma, le città costiere della Campania, esclusa Salerno, e infine, la Puglia e la Calabria. Anche su questo luogo circolano delle leggende, come in molti luoghi dell'Italia, di preciso due con protagonisti Annibale e San Pietro. Iniziamo dal primo. Si narra che Annibale, grande condottiero cartaginese, avesse deciso di insediare un accampamento militare con l'intento di conquistare la vicina città di Oria.La seconda leggenda narra di un presunto soggiorno notturno da parte di San Pietro, dopo aver salpato a San Pietro in Bevagna, nei pressi di Manduria, con l'intento di proseguire il suo viaggio in direzione di Roma.
L'edifico è rimasto abbandonato da secolo, venne utilizzato come deposito di attrezzi agricoli, ma il prof. Carlo Murri, proprietario della masseria "Le Torri" situato nei pressi dell'edifico, decise di donare la chiesa al Comune di Torre Santa Susanna che prese la decisione di riportarlo alla luce, a cura della Soprintendenza delle Belle Arti con la direzione dei lavori affidata all' architetto Fernando Russo. In questi lavori di restauro sono stati rivenuti alcune testimonianze archeologiche risalente all'epoca romana, e di alcuni sarcofagi risalenti al VII secolo, che fa ipotizzare la prima costruzione della chiesa nello stesso periodo. "Da dove deriva il nome di Crepacore?" Secondo alcuni studiosi il termine significherebbe grande crepa, e si sostiene che nelle zone circostanti ci fosse una grande e profonda crepa.Adesso l'edificio venne utilizzato solo ed esclusivamente per motivi turistici con delle visite guidate gestite dall'Associazione Culturale della Pro Loco della città torrese che nel giro di pochi anni ha riuscito a portare numerosi visitatori non solo dalla provincia ma anche da tutt'Italia grazie al loro eccellente lavoro rendendo un importante esempio su come nel nostro paese bisogna puntare sul nostro petrolio, la cultura, per trarre dei vantaggi economici creando nuovi posti di lavoro per i giovani e non. Si ringrazia il gentile e disponibile presidente dell' Associazione Turistica Pro Loco di Torre Santa Susanna, Salvatore Vapore, per il materiale che mi ha messo a disposizione per la realizzazione di questo articolo.

Articolo di Pierluigi Papa del Blog Brindisi Medievale

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...