Pagine

mercoledì 4 giugno 2014

OGGETTI VICHINGHI RINVENUTI IN CANADA

viking

Michigan - un gruppo di archeologi amatoriali alla ricerca di strumenti dei nativi americani nei pressi di Cheboygan, sulla costa del lago Huron, hanno scoperto una enorme quantità di manufatti risalenti ai Vichinghi per un totale di bel 194 oggetti principalmente fatti in argento, ferro, rame e stagno proprio laddove doveva esserci un antico villaggio vichingo che controllava lo "Straights of Mackinac" che domina il lago Michigan. I manufatti sono di varia natura e provenienza geografica . Spade , asce e altre armi di origine scandinava o germanica , bottoni d'argento e una bilancia presumibilmente dalle isole britanniche , pettini e coltello manici in avorio di tricheco e provenienti dalla Groenlandia o in Islanda ... La presenza di tutti questi beni suggerisce un elaborato ed efficiente sistema economico basato sul commercio a lunga distanza. Gli archeologi avevano cercato la costa orientale del Nord America i segni del passaggio di Normanni, dopo la scoperta nel 1960 del sito di L'Anse aux Meadows, nell'isola di Terranova in Canada . Molti articoli trovati su quel primo sito avevano suggerito che una complessa rete di scambi esisteva tra quella colonia nordica specifica e il continente americano. Tali indizi inclusi i resti di "butternuts" (noci provenienti da un albero diffuso proprio nel Canada meridionale), che non crescono a nord della provincia del New Brunswick, e quindi dovevano essere state "importate ". Altri avamposti norvegesi sono stati identificati nel 2012 a Nanook, nella Valle Tanfield sull'isola di Baffin, così come in Nunguvik, in Willows Island e nelle isole Avayalik. Questo è comunque il primo insediamento vichingo scoperto nella zona dei Grandi Laghi del Nord America, e questo porta nuove informazioni relative alla misura effettiva della rete commerciale vichinga sul continente. Il sito si trova in posizione strategica per consentire il controllo dei corsi d'acqua principali del Lago Michigan e il Lago Erie, consentendo un accesso navigabile alla St -Lawrence Bassin e all'Oceano Atlantico. Tutti gli elementi recuperati sono stati trasferiti per ulteriori analisi al Dipartimento di Archeologia dell'Università del Michigan, che ha ereditato anche la responsabilità del sito. Ulteriori ricerche dovrebbe essere fatto nei prossimi mesi per completare il sondaggio del sito e raccogliere tutti i possibili artefatti rimanenti.

Foto tratta da http://worldnewsdailyreport.com/

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...