Pagine

venerdì 3 agosto 2012

TENUTA TEMPLARE DI SAN MIGRANO

La tenuta confinava col Casale Annibali, il Casale dei Santi Sergio e Bacco, col Casale Nutuli e con Santa Pacora. Aveva una estensione di 80 rubbia (circa 148 ettari), di cui 70 destinati a seminativo e 10 a bosco. È difficile rilevare esattamente la sua collocazione, dal momento che alcuni confini non sono identificabili; tuttavia il Silvestrelli, in base a documenti di epoca posteriore, afferma che "il tenimento di san Migrano conviene... cercarlo... verso l'attuale stazione di Pavona" (a poca distanza da Albano Laziale). Rimase in possesso degli Ospedalieri per circa un secolo: in un documento del 1427, infatti, risulta frazionata tra numerosi proprietari privati, frazionamento che continuò anche negli anni successivi con altri passaggi di proprietà. All'interno della tenuta era situata la chiesa omonima di San Migrano, dove il 10 luglio 1310 vennero affisse le citazioni del processo dal nunzio Giovanni, rettore di Santa Maria della Stella. Di questa chiesa non si hanno più tracce.


Fonte: www.templaricavalieri.it

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...