Pagine

domenica 23 febbraio 2014

DA COSA DERIVA IL TERMINE BALDRACCA?

File:Petrarca01.jpg
La Firenze del Medioevo era ben lontana dalla città che possiamo ammirare ora: anche la zona degli Uffizi era decisamente diversa. Il rione dove sorgono gli Uffizi era luogo di osterie, bordelli, prostitute, ladri e degrado ed era nominato il "Rione di Baldracca", in riferimento ai tipi di servizi che i fiorentini potevano avere a disposizione. Contrariamente a ciò che si può pensare, il termine "Baldracca" non si riferisce all'attività più vecchia del mondo abilmente svolta dalle signorine di Firenze ma dalla celeberrima "Osteria della Baldracca" che prese il nome dalla capitale dell'Iraq Baghdad confusa con l'antica Babilonia in riferimento al miscuglio di lingue e razze che vi abitavano nella zona. In realtà la parola Baghdad verrà storpiata in "Baldacca" e successivamente "Baldracca". Anche Petrarca, nel suo Canzoniere, conferma il riferimento di Baldracca a Baghdad:
"Aspettando ragion mi struggo e fiacco/ ma pur novo soldan veggio per lei/ Lo qual farà, non già quand’io vorrei/ sol una sede; e quella fia in Baldacco"
Baldracca, inteso come quartiere popolare lo leggiamo anche nella novella di Frate Cipolla. Cosimo de' Medici smantellò nel 1546 il quartiere facendolo attraversare con una strada da piazza della Signoria dell'Arno e nell'anno 1559 affida addirittura al Vasari la costruzione di un palazzo dove far convogliare le Magistrature che avevano il compito di regolare la vita urbana. Nonostante questa vera e propria "iconoclastia" sono rimasti ancora luoghi che ricordano quel passato poco gratificante come proprio il "Teatrino della Baldracca" nato sul luogo dell'osteria che si trovava proprio all'altezza della Biblioteca degli Uffizi. Il Teatrino era frequentato da artigiani e bottegai e le cronache dell'epoca che lo raccontano come un teatro di spettacolo osé per un massimo di quattrocento persone. Ovviamente in questi luoghi alta era l'affluenza della nobiltà locale che doveva godere di stanze che potessero garantire l'anonimato completo. Sembra, addirittura, che il teatrino fosse collegato alla casa dei Medici da un passaggio riservato che si affacciava ad una finestrella sul teatro. Il passatempo finì nel 1600 quando si decise di riportare la città all'ordine e al rigore, ordine e rigore che naturalmente erano di facciata...anche allora come oggi non erano rari altri posti dove gli uomini fiorentini potevano soddisfare i propri istinti

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...