Pagine

lunedì 24 febbraio 2014

ALLE FRONTIERE DEL MEDIOEVO - "PORTORICO, MEDIOEVO DI FRONTIERA"

Quando si parla di Medioevo, immediatamente  pensiamo alle due date di confine: l’inizio e la fine. Eppure sia l’una che l’altra sono puri giochi accademici.  uesto breve articolo riguarda un luogo quasi unico dal punto di vista del Medioevo: Portorico, territorio non incorporato degli USA e situato tra la Repubblica Dominicana e le isole Vergini, a nord-est del  mar dei Caraibi. Dal 1917 gli abitanti sono cittadini USA.
Il turista che si reca a San Juan de Portorico rimane impressionato nel vedere due castelli medievali e delle lunghe mura di cinta. Subito potrebbe pensare alla classica “americanata” . Invece sono castelli autentici.  
Non è molto chiara la storia dell'isola prima dell'arrivo di Colombo.  Ciò che oggi si sa viene fondamentalmente dalle scoperte archeologiche e dalle trascrizioni dei racconti orali degli spagnoli. Pare che l’isola fosse abitata già dal 2000 a.C. circa.
Controversa è anche la paternità della sua scoperta da parte degli Europei: la maggioranza ritiene che il primo contatto con la razza bianca sia avvenuta per opera di Colombo nel suo secondo viaggio, arrivando nell’isola il 19 novembre 1493. Altri sostengono invece che l’anno del primo contatto sia stato il 1492 quando Pinzon  si separò da Cristoforo Colombo.
Colombo battezzò l’isola  San Juan Bautista, in onore di San Giovanni Battista, ma poi  col tempo questo nome rimase alla città capitale e l’isola prese il nome di Puerto Rico, cioè porto ricco.
Il primo governatore fu lo spagnolo Juan Ponce de Leon.  Data la posizione geografica, l’isola fu colonizzata fin da subito e molti schiavi africani presero il posto della popolazione locale per tutti quei lavori considerati “poco nobili” o di “fatica”. Per la posizione geografica, l’isola divenne in breve un'importante roccaforte e porto strategico dell’Impero spagnolo nel mar dei Caraibi. Numerosi furono i nemici europei che cercarono di attaccarla senza riuscirsi: francesi, inglesi e olandesi. Questo grazie a tre grandi fortezze: 

la Fortaleza, il forte San Felipe del Morro e il forte San Cristobal. La Fortaleza, che in spagnolo vuol dire "la fortezza", si trova nella parte vecchia della capitale San Juan. La sua costruzione fu relativamente veloce. I lavori iniziarono nel 1533 e terminarono 7 anni dopo. Al di fuori del Vecchio Mondo, questo è attualmente l’edificio governativo più vecchio. Vi risiede il governatore di Porto Rico. Dal 1983 è stato dichiarato “Patrimonio dell’Umanità” e dunque inserito nella lista dell’UNESCO. 

Il forte San Felipe del Morro, noto anche come castello San Felipe del Morro è una fortezza del XVI secolo. Anch’esso si trova nella parte vecchia della capitale San Juan, all'estremità nord-occidentale dell'isola. Venne costruita per difendere la baia di San Juan e la stessa città dagli attacchi dei nemici e fu dedicata al re di Spagna Filippo II. Anch’essa è nella lista dell’Unesco. 

Il forte San Cristóbal, è invece di due secoli posteriore. La Vecchia San Juan è il maggior centro culturale del paese. Il centro storico è caratterizzato da strade strette in pavé’ e da edifici coloniali dai colori sgargianti. Le costruzioni risalgono ai primi del 1500 fino al XVII secolo. Una buona parte di questo centro storico si trova ancora oggi circondata e protetta dalle alte mura di difesa. Molto bella e di periodo “fine medioevo” è la chiesa di San Jose’ del 1523. Annesso alla chiesa vi è un monastero dominicano e la prima abitazione della famiglia di Juan Ponce de Leon, conosciuta meglio come Casa Blanca.

Articolo di Marcella Nardi. Tutti i diritti riservati.

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...