Pagine

venerdì 23 settembre 2011

GIUSEPPE SERGI: "L'IDEA DI MEDIOEVO"

L'idea di Medioevo. Fra storia e senso comune è un libro di Giuseppe Sergi nato come saggio introduttivo del Manuale (Donzelli) di Storia medievale nel 1998 e pubblicato singolarmente (con alcune revisioni e una nuova introduzione) nel 2005. Il libro, tradotto anche in francese e in spagnolo, tratta, come si può intuire dal titolo, la differenza tra l'idea di Medioevo presente nell'immaginario collettivo e la realtà storica dei dieci secoli medievali. L'autore infatti sottolinea fortemente che il concetto di Medioevo a noi giunto è in gran parte errato. Questo a causa di una deformazione prospettica attuata dagli storici del XV e XVI secolo, i quali hanno esteso la realtà storica appartenuta ai vicini secoli XII e XIII, periodo di crisi generale, all'intero periodo medievale.
Questa teoria proporrebbe infatti un improbabile periodo, durato oltre mille anni, di pausa del progresso (se non di regresso) e di assenza di alcuna novità politica o sociale. Periodo che nel complesso comprenderebbe tutto quel che la Rivoluzione francese ha abbattuto. Il saggio invece si propone proprio di distruggere il luogo comune che circonda il Medioevo, che finora è stato considerato un periodo da cui si può trarre l'origine di tutti gli elementi negativi appartenuti al passato (anche a quello relativamente recente).

Giuseppe Sergi, L'idea di Medioevo. Fra storia e senso comune, collana Virgolette, Donzelli, 2005, pp. 106, cap. 11. ISBN 88-7989-936-8

Acquistalo su IBS

Fonte: Wikipedia

Giudizio personale: 4/5


Libello molto interessante ma a tratti un po' complicato: di certo convince la sua teoria di fondo ossia che il Medioevo, contrariamente a quanto si pensa, è stato un periodo di grande sviluppo storico e culturale. Consigliato a studenti e semplici appassionati.


Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...