Pagine

martedì 20 novembre 2012

SECONDA PUNTATA DEL PROGETTO "MOLISE MEDIEVALE"

L’Associazione Culturale Etno in collaborazione con l’Associazione culturale e rievocazioni storiche A.C.O.R.S. presenta la seconda puntata del progetto “Molise medievale – Sigillum Comite di Molise”. Nonostante la nostra sia la regione più piccola d’Italia non è quella meno importante dal punto di vista storico e culturale, il Molise è custode di innumerevoli tesori artistici, archeologici e storici. Il Molise è custode di un “Medioevo” nobile, sconosciuto, le cui tracce sono visibili, ma a chi guarda con attenzione e soprattutto con la passione di scoprirne i misteri. L’Associazione culturale A.C.O.R.S. ha dato via ad un progetto che vuole riscoprire queste tracce ed i messaggi criptici che tali siti contengono, un viaggio all’interno di chiese, castelli, borghi, sulle vie dei pellegrini, per raccontarne la storia, ma non solo quella scritta sui libri, ma la storia delle origini della “Contea di Molise”, delle famiglie nobiliari, delle orme templari, delle cripte e delle reliquie. Un percorso attraverso il quale si decifrano messaggi scolpiti sulla pietra e scritti su antiche pergamene, che fa rivalutare un Molise nobile e custode di meraviglie che molti ignorano, ma una che una volta svelati saranno meta di un turismo internazionale. E’ provato che la regione Molise prende nome da una famiglia normanna di cavalieri Templari: i De Moulins, che latinizzato divenne “De Molisio”. Annoveriamo tra essi uno dei più grandi maestri Ospitalieri delle Crociate, Roger De Moulins, il che rende ancora più simbolica e misteriosa questa regione che, oltre a vantare natali antichissimi, possiede tesori medievali nascosti da centinaia di anni. Il viaggio nel tempo continua con la riscoperta di uno dei tanti castelli medievali presenti in Molise. Dopo il successo dell'esordio con le chiese di Matrice e Petrella Tifernina, la seconda puntata del viaggio medievale racconta della storia di Macchia d'Isernia - Macchia Saracena or d'Isernia - con riferimenti al borgo storico ed al castello della famiglia Dalena - De Iorio Frisari. Le atmosfere dei crociati, dei saraceni delle famiglie nobili rivivono nel castello, che conserva arredi, segrete ed oggetti dell'epoca. Continua ad essere raccontata in questo modo l'origine dei nostri borghi, ad essere spiegata la presenza di edifici quali fortezze, castelli, chiese ed il loro valore storico e simbolico. La presentazione del progetto è stata affidata, in questo secondo appuntamento, al Consigliere regionale Riccardo Tamburro. Grazie ad una ricerca approfondita, all'interpretazione di simbologie, di documenti originali dell'epoca, di carteggi privati, di riscontri storici si sta cercando di riscrivere la storia del popolo molisano, di valorizzare i borghi storici e ridare dignità ed importanza agli innumerevoli tesori culturali ed artistici che il Molise conserva. Un vivo ringraziamento delle associazioni Acors ed Etno va al conte Giulio De Iorio Frisari e all'Associazione Ordo Cavalieri Termole - Molise, nelle persone di: Pietromonaco Antonio, Maratea Gianni, Iarossi Marco, Sciarretta Antonio, De Nisi Michele, Recchi Massimiliano e Mario Gianfelice che grazie alla loro presenza scenica hanno contribuito a raccontare la storia interpretandola. Ed ancora si ringraziano le comunità di molisani nel mondo che seguono con interesse questo viaggio storico, e ci dimostrano il loro apprezzamento, viaggio grazie al quale stanno riscoprendo la loro terra. La seconda puntata di Molise Medievale potrà essere vista martedì 20 novembre 2012 sui canali digitali 15 e 115 di TRSP e canale Sky 858, inoltre in diretta streaming su sito www.trsp.it (diretta - live), in replica mercoledì 21 novembre alle ore 13.15. 
Fonte: http://www.mytermoli.com

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...