Pagine

sabato 21 luglio 2012

SERRA PISTORIESE TRA MEDIOEVO E WI FI

Immaginatevi un luogo che sembra essersi fermato nel tempo, con le case in pietra, arroccato su un crinale tanto stretto e lungo che sulla cresta c’è spazio solo per la strada centrale, longitudinale, e due file di case laterali parallele. Immaginatevi anche che questo borgo medievale dell’Alta Valdinievole è circondato da fitti boschi di castagni, abeti, aceri e cerri, ricchi di sottobosco e pieni di ruscelli, si trova a circa 20 minuti di macchina da Pistoia e da Montecatini Terme, ad un’ora dall’Abetone e da Firenze, ed è una meta per vacanze nel verde o percorsi di trekking, ma anche un punto di partenza ideale da cui visitare il nord della Toscana. Immaginatevi che questa località incantevole incarna tutte le caratteristiche del turismo slow, e che oltre a quanto di meglio può offrire la natura esalta le tracce di un glorioso passato: insomma, Serra Pistoiese, una frazione del Comune di Marliana, è uno scrigno di tesori capace di incantare ogni visitatore. Il borgo offre un percorso storico-artistico che trasuda orgoglio e vita di paese, tra guerre, lotte e cambi al potere. L’antica Chiesa di San Leonardo è nota per il suo organo considerato uno dei migliori della provincia di Pistoia, opera del Ghilardi del 1780, recentemente restaurato e utilizzato per concerti nel periodo estivo. Nel campanile fu ricavata la porta di accesso all’intero borgo. Completamente isolati in mezzo ad un castagneto si trovano i ruderi della Pieve di Sant’Andrea di Furfalo, fondata da missionari orientali che veneravano l’apostolo Sant’Andrea, importante centro medievale durante la lotta tra Longobardi e Bizantini. Le giornate qui sono scandite dai ritmi della natura e la piazza ha saputo conservare la sua identità di luogo deputato alla socialità, offrendo una dimensione idilliaca tra natura e cultura. Lontana dallo smog e dal caos, Serra Pistoiese restituisce una reale dimensione di pace e tranquillità, circondati dalla natura autentica, ma senza staccare con la modernità: l’installazione della WiFi, infatti, ne fanno un borgo che non vuole perdere il contatto con il mondo esterno e sin dal 2009 si sono volute sfruttare le inedite opportunità di comunicazione consentite dal web 2.0, aprendo la pagina Facebook ufficiale che conta una numerosa comunità di fan molto attivi. E oltre a tutto questo non mancano appuntamenti di ogni genere: Piazzette in Festa, che si tiene il sabato successivo a Ferragosto, è un percorso storico-gastronomico per le vie del borgo dove degustare piatti della cultura contadina accompagnati da cortei storici, sbandieratori, mercatini e fiaccolate. A metà agosto arriva Addolciamoci, gara di dolci realizzati dalle donne del paese, mentre l’ultima domenica di settembre è la volta della Sagra della Patata Fritta.

Fonte: www.turismo.it 

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...