Pagine

venerdì 22 luglio 2016

IL BATTISTERO DI SAN GIOVANNI AD ASCOLI PICENO

Battistero di San Giovanni Ascoli Piceno.jpg

Il Battistero di San Giovanni si trova su piazza Arringo nei pressi del Duomo su una are sacra romana dove insisteva a sua volta un altro battistero risalente al V-VI secolo d.C. La struttura che possiamo ammirare oggi è del XII secolo. La base quadrata con blocchi di travertino romano e la lanterna che corona la cupola vogliono lanciare un messaggio simbolico importante: la pianta quadrata, che rappresenta la terra, indica il peccato originale, l'ottagono (tipica figura geometrica dei battisteri) ricorda il battesimo mentre la lanterna, spinta da una cupola circolare che si staglia verso il cielo,  rappresenta Dio.

Vi sono due porte di accesso (anche qui il messaggio simbolico è forte) una a ovest e una a sud: chi si voleva battezzare doveva entrare nella grande porta di ovest (che ricorda il tramonto e quindi il buio della notte), una volta finita la cerimonia si usciva nella porta di sud consentendo al battezzato di recarsi in Cattedrale per assistere alla funzione religiosa. I lavori di ristrutturazione intrapresi per il Giubileo del 2000 hanno portato alla luce due vasche battesimali di varia dimensione, questo perché nei primi secoli del Cristianesimo il battesimo era amministrato solamente agli adulti; col passare del tempo i battezzandi erano sempre più infanti che, contrariamente agli adulti, non si sdraiavano nella vasca ma vi restavano seduti. 

Il fonte battesimale a calice fu introdotto solamente verso la fine del 1300 quando la chiesa sostituì il rito per immersione con quello ad aspersione

Immagine Tratta da Wikipedia, Autore: InfinitiSpazi (CC BY SA 3.0)

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...