Pagine

martedì 19 luglio 2016

CHIESA DI SAN SALVATORE DI SOTTO DI ASCOLI PICENO

San Salvatore di Sotto Ascoli Piceno 01.jpg

La Chiesa di San Salvatore di Sotto si trova oltre Porta Romana poco fuori il centro di Ascoli Piceno. In origine probabilmente era un tempio dedicato al dio pagano della guerra tanto che si narra come Sant'Emidio demolì l'antico tempio pagano per costruire un oratorio dedicato a Dio. Fu San Romualdo di Ravenna, fondatore dei Camaldolesi,  nell'anno 1000 a rendere importante questo luogo con la fondazione di un monastero concesso tra il 1048 e il 1068 all'abbazia di Farfa e nel 1300, con la bolla di Bonifacio VIII custodita nell'Archivio di Stato di Ascoli, risultava sotto competenza di San Salvatore Maggiore di Rieti. 

Quando i camaldolesi abbandonarono la zona, la chiesa e il monastero rimasero abbandonati anche a causa dei diversi passaggi di proprietà: il 12 gennaio dell'1861 entrò nella Cassa Ecclesiastica delle stato, nel 1866 e entrò nel Demanio nazionale e il 21 agosto del 1870 fu venduta ad un'0asta. Solamente nel 1979 la proprietà tornò al Comune di Ascoli che, unitamente alla Cassa di Risparmio di Ascoli, riuscì a portare a termine un restauro completo.

Proprio da questa piccola chiesa viene il crocifisso di legno risalente al XIII secolo ora visibile presso la Chiesa della Santissima Annunziata di Arquata del Tronto; sembra che sia stato trafugato nell'anno 1680 dagli arquatani durante una disputa con gli ascolani. 

Immagine tratta da Wikipedia, Autore: InfinitiSpazi

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...