Pagine

giovedì 7 marzo 2013

SAINT ADREWS

Saint Andrews (in scozzese: Sanct Androis, in gaelico scozzese: Cill Rìmhinn) è una città universitaria ed ex borgo reale sulla costa orientale del Fife in Scozia. La città, che fino al X secolo era conosciuta come Kilrymont, prese in seguito il nome da Sant'Andrea Apostolo. L'opzione "-s" in St Andrews non è un possessivo, ma rappresenta Androis, la forma più antica scozzese di Andrew. St Andrews ha una popolazione di 16.680 abitanti, rendendola il più grande centro nel Fife. Vi si trova la cattedrale di St Andrews risalente al VIII secolo e un vescovado almeno del XI secolo. La cattedrale, la più grande in Scozia, ora giace in rovina. L'insediamento è cresciuto a ovest della cattedrale di St Andrews. Il borgo divenne presto la capitale ecclesiastica della Scozia, una posizione che mantenne fino alla Riforma scozzese. La famosa cattedrale, la più grande in Scozia, ora giace in rovina. Oggi, St Andrews è conosciuta nel mondo come la "casa del golf". Ciò è dovuto al fatto che è sede del Royal and Ancient Golf Club, fondato nel 1754. Esso esercita l'autorità legislativa del gioco del golf in tutto il mondo (tranne che negli Stati Uniti e Messico). È il luogo dove si svolge l'Open Championship, il più antico torneo di golf, uno dei quattro Open più importanti al mondo. I turisti visitano St Andrews in gran numero. La città è anche sede dell'Università di St. Andrews, la terza università più antica nel mondo riguardo alla lingua inglese e una delle più prestigiose del Regno Unito. L'Università è parte integrante del borgo, e durante il periodo scolastico gli studenti costituiscono circa un terzo della popolazione della città. Il Memorial Martiri, eretto in onore di Patrick Hamilton, George Wishart, ed altri martiri dell'epoca della Riforma, si trova sul lato ovest della città su una scogliera a picco sul mare. I primi abitanti si insediarono ai margini della foce del fiume Tay e Eden tra il 10.000 e il 5.000 a.C. nel corso del Mesolitico provenienti dalle pianure del Nord Europa. ln seguito, intorno al 4500 a.C., popoli nomadi si insediarono attorno alla città moderna. In quanto agricoltori deforestarono la zona e costruironodi monumenti. Il primo nome dato al luogo fu quello di Muckross, che significa testa di Cinghiale. Dopo la fondazione di un insediamento religioso nella zona intorno al 370 d.C., il nome fu cambiato in Cennrigmonaid (antico irlandese che sta per "penisola della chiesa del re") in memoria di Túathalán, abate di "Cennrígmonaid". Nel 906 d.C., la città divenne la sede del vescovo di Alba, e i confini si estesero includendo la terra tra il fiume Forth e il fiume Tweed. La fondazione della città odierna è iniziata attorno al 1140 grazie al vescovo Robert forse sul sito delle rovine del castello di St Andrews. Secondo una carta del 1170, il nuovo borgo fu costruito ad ovest della Cattedrale che ora si trova in rovina, lungo Castle Street. Il borgo di St Andrews è stato rappresentato per la prima al gran consiglio a Scone Palace nel 1357. St Andrews era delimitata da numerose 'porte murate'. Due sono ancora visibili: la porta murata di So'gait (South Street, ora chiamata West Port) e la Sea Yett (che si trova nel porto). La porta murata "West Port" è una tra le ultime superstiti delle città della Scozia. Le torri che fanno parte della costruzione riprendono la forma di quelle della porta Netherbow ad Edimburgo. L'arco centrale di forma semi-ottagonale sostiene i passaggi di ronda. Archi laterali e bassorilievi sono stati aggiunti alla porta durante la ricostruzione avvenuta tra il 1843 e il 1845. Le porte in rovina della città sono Port Swallowgait (nei pressi del Castello), Port No'rgait (North Street, vicino a dove ora si trova il NPH Cinema), Mercatgait Port (nei pressi dei Giardini Greyfriars) e una porta a Kirkheaugh. Le tre strade principali del centro storico sono la North, la Market e la South Street. Nel XIX secolo i vecchi nomi scozzesi delle vie della città furono tradotti in inglese. Mercatgait divenne Market Street e North Street divenne No'rgait. Dal punto di vista storico da non perdere è la chiesa della Santissima Trinità. La chiesa fu inizialmente costruita su un terreno, vicino alla parte sud-est del timpano del Duomo, intorno al 1144 dal vescovo Robert Kennedy. Nel 1234 la chiesa fu dedicata al vescovo David de Bernham. Frà il 1410 e il 1412 il vescovo Warlock fece ricostruire la chiesa su di un nuovo sito posto sul lato nord di South Street. Gran parte delle caratteristiche architetture della chiesa furono tolte e trasportate nel palazzo del re da Robert Balfour tra 1798 e 1800. In seguito, tra il 1907 e il 1909, la chiesa fu restaurata e riccamente decorata da McGregor Chambers che le ridiede un aspetto medievale. Solo la torre nord-occidentale, una parte della guglia e gli archi del portico mantennero il loro aspetto originale. A est del centro della città, si trovano le rovine della Cattedrale di Sant'Andrea. Questo un tempo era l'edificio più grande della Scozia. Fu costruita per ospitare le reliquie di Sant'Andrea e divenne nota come la prima cattedrale della città. Al giungere della Riforma, nel 1559, la cattedrale andò decadendo. Nel 1826 i baroni dello scacchiere acquistarono le rovine della cattedrale. Le rovine del castello di St Andrews sono situate su una scogliera. Il castello fu eretto intorno al 1200 come casa dei vescovi e degli arcivescovi. Più tardi fu utilizzato come palazzo, prigione e fortezza ma mantenne il legame ecclesiale con la città. Il castello fu demolito e ricostruito. Per questo la maggior parte del castello risale solo all'epoca tra il 1549 e il 1571. Il castello fu ricostruito in stile rinascimentale perché l'uso che se ne voleva fare era quello di un palazzo piuttosto che una fortezza. L'abside del convento domenicano, Blackfriars, può ancora essere visto sulla South Street (tra Madras e Bell College Street). Resti di altre case religiose che esistevano nella città medievale, anche se meno visibili, hanno lasciato tracce, come ad esempio il lebbrosario di San Nicola Casale (Il Steading).

Fonte: Wikipedia

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...