Pagine

martedì 8 settembre 2015

"LE ROSE DI CORDOVA" - LIBRO DI ADRIANA ASSINI - GROSSETO VENERDI' 11 SETTEMBRE 18.00


Adriana Assini narra le tristi vicende di Giovanna di Trastamara, passata alla Storia con l’epiteto de “la Pazza” a causa del carattere indomito e caparbio. Attraverso la voce di Nura, figlia di Aziz, primo ministro del Califfo e schiava personale di Giovanna in seguito alla caduta dei Mori, la Assini ripercorre giorno dopo giorno la sfortunata esistenza dell’infanta di Spagna la cui pazzia, forse, fu solo leggenda, una bieca calunnia inventata dai suoi detrattori per defraudarla di un potere che le sarebbe spettato di diritto. Un’esistenza vissuta per sottrazione tanto da confondersi, sempre di più, con quella della sua schiava. Nel racconto dell’autrice, così, i destini delle due donne finiscono per intrecciarsi e a quello – solo apparentemente più fortunato della sovrana – risponde, quasi all’unisono, quello della serva, popolato di ricordi malinconici dal sapore esotico e profumato delle rose di Cordova, memorie di libertà e di un tempo felice. Grazie a una scrittura sapiente, capace di colmare in modo efficace i silenzi della Storia e di avvicinare il lettore ai drammi, alle passioni e alle solitudini sperimentate dai personaggi, Adriana Assini traccia un mirabile affresco dell’Europa del XVI secolo, fra lotte di potere ed epidemie pestilenziali. Un’opera drammatica, ricca di colpi di scena, che affascina non solo per la fine ricostruzione storica – attenta più che mai al contributo femminile - ma anche per la descrizione a tinte forti e appassionanti di grandi personaggi, sia inventati, come la schiava Nura, che reali, come Filippo Il Bello e Carlo V, Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona e, soprattutto, Giovanna, il cui mistero e la cui modernità stupiscono ancora oggi.

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...