Pagine

martedì 26 gennaio 2016

ORIGINI DEL TERMINE "METTERE LE CORNA"


Il termine di uso comune "mettere le corna" deriva, come sempre, dal nostro amatissimo Medioevo: ci troviamo a Bisanzio quando l'imperatore Andronico I Comneno, un grande amatore e abile seduttore cospirò violentemente contro Manuele I, suo cugino, che si trovò obbligato ad imprigionarlo. Andronico, pur di salire sul trono, era pronto a tutto tanto che uccise la vedova di suo cugino e l'erede Alessio II tessendo per tutto il tempo relazioni peccaminose e talune volte anche incestuose.

Lottò prepotentemente contro gli aristocratici: li faceva arrestare, rapiva le mogli con cui usava divertirsi per molto tempo e, in senso di sfregio, appendeva sui palazzi delle sue vittime teste di cervi uccisi durante le innumerevoli battute di caccia.

Nell'anno 1185 i soldati di Guglielmo II, dopo la conquista di Salonicco, notarono questa strana usanza senza capirne il perché: quando gli fu spiegato nacque il termine "mettere le corna". La parola "cornuto" ebbe, quindi, grande diffusione soprattutto in Sicilia.

Che fine fece Andronico Comneno? Fu linciato dalla folla proprio come fu raccontato da Boccaccio nel "De casibus virorum illustrium" in cui si raccontano le vicende di 58 personaggi famosi a cui la fortuna voltò improvvisamente e rovinosamente le spalle.

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...