Pagine

venerdì 5 giugno 2015

LA GENESI DI "SGUARDO SUL MEDIOEVO" RACCONTATA AD ANDREA CONTORNI ROCCHI DEL SITO "TALENTONELLASTORIA"

Sguardo sul Medioevo

Appassionato di religioni, simbologia esoterica, misteri e Storia. Studioso presso l'Università degli Studi Roma 3 in "Scienze Storiche del territorio per la Cooperazione Internazionale" e responsabile di uno dei più interessanti e completi siti web italiani incentrati sulla Storia del Medioevo. L'impegno di Emiliano Amici nella divulgazione culturale è totale come testimoniano i suoi tanti progetti telematici e letterari. Ripercorriamo insieme la genesi di "Sguardo sul Medioevo" (www.sguardosulmedioevo.org)...

Articolo ed intervista a cura di Andrea Contorni Rocchi del Sito TalentonellaStoria

D1. Emiliano, il tuo sito “Sguardo sul Medioevo” è diventato negli anni un punto di riferimento importante nel web per tutti gli appassionati di Storia e di Medioevo. Quale è stata la genesi di questo progetto? Quando è nato, quali furono i tuoi primi passi in merito e soprattutto, perché hai reputato importante dedicarti con tanto impegno e zelo ad un progetto di divulgazione culturale?

Ciao Andrea, intanto grazie mille per aver pensato a me per questa intervista. Mi fa piacere condividere la mia storia con "Talento nella Storia" a cui chiesi uno scambio banner nel settembre del 2011! La genesi di Sguardo Sul Medioevo è un po' particolare. Era aprile del 2010, volevo aprirmi un blog di storia e iniziai a mettere i primi articoli. Poi il progetto fu accantonato perchè lo ritenevo eccessivamente impegnativo e lavorando e studiando non potevo dedicargli il tempo che un blog merita. A settembre del 2011 stavo preparando un esame universitario di Antichità ed Istituzioni Medievali e mi sono ritrovato una mole di appunti notevoli integrati dai miei riassunti; per non gettare questo "tesoretto" ho deciso di metterli sul blog che avevo aperto un anno prima affinchè potessi avere in qualsiasi momento e in qualsiasi posto mi trovassi tutto l'esame pronto da poter ripassare in qualsiasi momento. A quel punto c'erano cinquanta articoli e non potevo di certo permettere che tutto andasse in malora. Da quel giorno, il blog è diventato un figlio, è cresciuto con tanta fatica e qualche scapaccione sul collo, agendo sui contenuti, sui codici, cercando sempre di offrire un servizio culturale di qualità anche se la prima fase ha visto un copia e incolla da Wikipedia. Qualcuno storcerà il naso, ma è stato importantissimo per far partire il progetto che ora campa di rendita e che vede solo articoli unici e rielaborati. Col tempo il blog ha raggiunto vette inaspettate, culminando con il Premio Italia Medievale 2013 anche grazie alla "presenza" virtuale nei principali avvenimenti degli ultimi anni. Ho scelto la divulgazione culturale perchè sono ancora studente, quindi mi faceva assolutamente comodo avere un portale che mi consentisse di continuare a studiare e ripassare anche con l'aiuto dei contenuti degli altri collaboratori. Poi credo fermamente nella cultura e in una sua diffusione intelligente concentrandomi in particolar modo sul nostro paese ma non posso esimermi dal parlare anche di luoghi meravigliosi in Germania, come in Scozia o in Galles.

Elena Percivaldi
Giugno 2014, presentazione del libro di Elena Percivaldi "Medioevo Segreto".
Hanno partecipato il dott. Frediani Andrea della Newton&Compton Storia
e l'Accademia Medioevo che ha offerto i suoi servigi. Grazie ad Antonio Puccica
dell'Enoteca Letteraria di Roma

D2. Il Medioevo. E’ il periodo storico intorno al quale verte l’intera attività divulgativa di “Sguardo sul Medioevo”. Storia, cultura, ricerche, arte, turismo e tanto altro ancora. Una panoramica a 360 gradi su uno dei periodi storici più controversi dell’umanità. Secoli tetri e di regressione dopo i fasti dell’impero romano o periodo di rinascita e di grande sviluppo culturale e scientifico? 

Ormai è appurato un concetto fondamentale. Il Medioevo non è stato per nulla un periodo buio. Ti basti pensare che nel Medioevo nacquero i comuni, i primi concetti di stati nazionali, vi nacque l'Islam ed ebbe uno sviluppo fondamentale il Cristinaesimo, fu inventato l'aratro (una delle invenzioni più importanti), l'Università, le scuole mediche, la meravigliosa architettura che anche oggi ammiriamo; per non parlare dell'uso delle armi a cavallo che rivoluzionò il concetto di guerra, della stampa che ha cambiato il modo di comunicare e di diffondere la cultura. Possiamo definire questo un secolo buoio? Ironia della sorte gli illuministi definiranno il Medioevo come "secoli di oscurità" ma sfrutteranno per le proprie idee proprio un'invenzione medievale, per l'appunto, la stampa. L'onore, il rispetto, la fratellanza erano concetti cardini nel Medioevo, valori toalmente assenti nella società odierna. Pertanto, per rispondere alla tua domanda, i secoli bui sono quelli che stiamo vivendo in cui invece di aiutarci per superare i problemi, ci mangiamo l'uno con l'altro. Hai citato il turismo... proprio per questo ti dico che seguire un itinerario medievale che sia la via Francigena, o la via Benedicti, per non parlare del cammino di San Francesco ti farebbe proprio capire come quelle persone abbiano creato qualcosa di incredibile e di straordinario tanto che ancora oggi è facile, in quei luoghi, sentirsi catapultato nei tempi che furono. No, il Medioevo è stato un periodo lucente, anzi... facciamo una scommessa... se tu dici a dieci persone perchè il Medioevo è da considerarsi un periodo buio, ti risponderanno nominando la Chiesa, questo perchè l'ignoranza non ha mai fine!

D3. La gestione di un portale culturale comporta un impegno continuo, a fronte spesso di riscontri positivi molto diluiti nel tempo. Quali sono state e sono le maggiori soddisfazioni che stai traendo da “Sguardo sul Medioevo”? Di contro, quali eventualmente le difficoltà e i bocconi amari?

Tante gioie e tanti bocconi amari. La gioia più grande è stato il Premio Italia Medievale 2013 organizzato dall'omonima associazione culturale che è un vero e proprio punto di riferimento per tutti gli appassionati. La richiesta di collaborazioni di altre persone, l'ottima risposta alle mie iniziative sono sicuramente state molto importanti per poter continuare il mio progetto, un progetto in continuo divenire. "Sguardo Sul Medioevo" è diventato anche una specie di ufficio stampa per molti ordini neo templari e organizzazioni pubbliche e private che confidano nel mio lavoro per la diffusione dei propri eventi attraverso i social network e non solo. Bocconi amari... eh... si qualcuno! Lo zoccolo duro c'è e io mi tengo i miei moschettieri, i mercenari li lascio ad altri. L'Elezione di papa Francesco è stato l'apice vero e proprio. Da alcune ricerche che ho fatto i giorni seguenti, "Sguardo Sul Medioevo" ha anticipato l'Ansa di ben 25 minuti nel dare la notizia. Come ho fatto? Semplice... avevo tutto pronto davanti a me, dovevo solo mettere il nome e pubblicare! 

Premio Italia Medievale 2013

D4. “Sguardo sul Medioevo” si distingue per la mole impressionante di approfondimenti e argomenti trattati. Tra questi figurano ad esempio una sezione dedicata alla Storia della Chiesa e un’altra interamente incentrata sullo studio di quella che fu l’istituzione Templare? Si può parlare di Medioevo senza contemplare appunto la Chiesa e quello che rappresentò l’Ordine Templare?

Proprio in questi giorni ho risistemato il copioso menu e ai templari ho dedicato una sezione molto più organizzata! No, non si può parlare di Medioevo senza parlare di Chiesa. La Chiesa è stata l'istituzione più importante e controversa dell'intero periodo. Costantino legalizzò il Cristianesimo che proprio nel Medioevo ebbe un rapidissimo sviluppo arrivando a condizionare gli stili di vita delle persone in maniera importante. La figura della Chiesa e del papa è sempre presente per tutto il Medioevo ed è proprio per "colpa" della chiesa che oggi qualcuno afferma che il Medioevo era un secolo di ignoranza: non è vero. La Chiesa anzi è stata la principale fonte di cultura del periodo. Ricordiamo gli amanuensi, ricordiamo le splendide biblioteche, non cito il Vaticano e la sua Biblioteca o l'Archivio Segreto perchè sarebbe troppo scontato. Se magari qualcuno di questi "esperti" comprasse qualche libro invece di comprare giornali di Gossip, vedrai come la concezione errata sul Medioevo cambia! I Templari sono assolutamente il motivo per cui mi sono imbattutto nel blog medievale che si affianca anche ad un Centro Studi Ricerche Cavalieri Templari che raccoglie solamente articoli riguardanti i cavalieri del Tempio. I Templari hanno senza dubbio contribuito a conferire al Medioevo quel fascino che mi ha colpito fin da bambino, le loro gesta e la loro tragica fine sono ancora oggetto di ricerca e di studio senza dimenticare come siano stati proprio loro a fondare le primissime banche. Inventarono inoltre la lettera di cambio, un sistema economico davvero invidiabile. Non è un caso se la bandiera della Svizzera porta proprio i colori e simboli templari...

D5. L’aspetto esoterico è una componente importante del Medioevo per una serie di ragioni storiche e non solo. Da studioso, potresti spiegarmi i motivi per cui il binomio Medioevo-esoterismo è divenuto nel tempo inscindibile? Sembra quasi che tutti gli aspetti esoterici dell’umanità siano confluiti nei “secoli bui” del Medioevo.

Qui tocchi un nervo scoperto. Ricevo qualche critica alcune volte da parte di persone che dicono che sbaglio ad occuparmi dell'esoterismo. E io puntualmente rispondo allo stesso modo: la magia è stata un aspetto fondamentale del Medioevo dato che proprio in questa antica pratica esoterica confluirono elementi della cultura celtica e germanica con influenze arabe ed ebraiche! Di grande importanza poi è anche il connubio Chiesa-Magia in quanto se è vero che la Chiesa usava perseguitare maghi, fattucchiere e veggenti è anche vero che la stessa chiesa fece sue alcune pratiche magiche riadattandole per i propri riti arrivando ad una sorta di "magia cristiana" che si manifestava con i miracoli e gli esorcismi, concetti che sono rimasti in voga anche nella nostra era. 

D6. Tornando ai tuoi progetti. Tu sei una miniera di idee e attività. Per il prossimo futuro, cosa hai in mente per “Sguardo sul Medioevo” e in generale, cosa bolle nel tuo pentolone creativo?

Il mio pentolone è sempre in ebollizione! Intanto ti dico che un altro progetto molto gradito è il Podcast con l'aiuto di quattro formidabili collaboratori. L'obiettivo principale sarà quello di creare una Associazione Culturale in grado di offrire anche nel centro Italia servizi turistici e culturali all'avanguardia, ma per questo ci vorrà tempo (tanto) e soldi (tantini...). Ti posso dire che seguirò attentamente tutti gli eventi che hanno avuto origini nel Medioevo come il Giubileo 2015 e l'Ostensione della Sindone di cui ho già creato degli speciali molto apprezzati. Vorrei continuare ad essere parte integrante di conferenze, presentazioni e progetti culturali anche a livello istituzionale... insomma... non ci fermeremo mai!

Giudica l'articolo!

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...